RCV DAY: il successo della prevenzione.

COMUNICATO STAMPA



RCV DAY: il successo della prevenzione.

Seicento medici di famiglia e cardiologi hanno partecipato oggi in tutta la Puglia al RCV Day (giorno del Rischio cardiovascolare). L’iniziativa è stata voluta dalla Fimmg per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle malattie cardiovascolari; prima causa di morte nella nostra Regione. 


“Il progetto RCV, cioè la prevenzione delle malattie cardiovascolari, è la buona sanità, quella fatta in punta di piedi, quotidianamente, silenziosamente dalla stragrande maggioranza dei medici; una buona pratica che non fa notizia ma che da risultati in termini di tutela di salute”, ha dichiarato il dott. Filippo Anelli, Segretario Regionale della FIMMG Puglia. “Abbiamo bisogno di sviluppare una sinergia tra cittadini e operatori sanitari per raggiungere quegli obiettivi di tutela della salute pubblica previsti da questo progetto. Per questo abbiamo la necessità di ottenere il sostegno dei mas media per far sviluppare una cultura che promuova corretti stili di vita (correzione dell’abitudine al fumo e alla sedentarietà), sul controllo di malattie largamente diffuse come ipertensione, diabete e ipercolesterolemia, al fine di provare a ridurre il numero degli infarti cardiaci e degli ictus in Puglia che annualmente risultano essere rispettivamente in media 1500 e 3800”.


L’evento RCV DAY ha, quindi, fatto registrare un gradimento dei medici che hanno approfittato delle presenze di tutti i Direttori Generali e Sanitari delle ASL pugliesi e a Bari dell’Assessore Alberto Tedesco per fare il punto sullo sviluppo del progetto.


“Entro la fine dell’anno riusciremo ad analizzare i primi dati sulle rilevazioni del Rischio Cardiovascolare nella nostra Regione. Sino ad oggi era possibile soltanto effettuare una stima dei soggetti ad alto rischio in Puglia, che presumibilmente risultano essere pari a 300 mila cittadini: 250 mila uomini e 50 mila donne”, ha continuato il dott. Anelli.
Quindi un ambizioso progetto di tutela della salute pugliese che interessa tutti i cittadini pugliesi tra i 35 e i 69 anni.


“Abbiamo apprezzato dagli interventi dell’Assessore Tedesco e del Direttore Generale della ASL di Bari Lea Cosentino la volontà di mettere il medico nelle condizioni migliori per curare i propri pazienti”, ha dichiarato il dott. Vito De Robertis Lombardi, Segretario Provinciale FIMMG Bari. “Il provvedimento regionale, unico nel suo genere nel panorama sanitario nazionale non è un atto di tipo ragionieristico teso cioè a far risparmiare la Regione, quanto ad offrire al medico uno strumento di lavoro, una linea guida condivisa, nella prescrizione delle statine cioè dei farmaci che abbassano il colesterolo e riducono il Rischio Cardiovascolare”. 
Bari, 8 novembre 2008

Fimmg Puglia:  in rete dal 09/11/2008