Contratto Regionale: Lettera del Segretario Regionale agli Iscritti

 

 

Cari colleghi,

l’accordo regionale per la medicina generale è oramai in dirittura di arrivo. Avrei desiderato di potervi comunicare, prima delle ferie di agosto, la fine delle trattative e la firma dell’accordo regionale, ma una serie di complicazioni, da una parte di carattere organizzativo regionale e dall’altra relative alla risoluzione di problematiche complesse, come quella del 118, non ci hanno consentito di firmare. Abbiamo dovuto accettare, ad esempio, la soluzione di un accordo ponte per il 118 con la istituzione però di una commissione speciale Regione/OOSS per la rimodulazione del servizio 118 da presentare al Comitato entro la fine dell’anno, per poter procedere alla definitiva stesura dell’accordo. Accordo che, come voi tutti sapete, riguarda tutti e quattro i settori della medicina generale: assistenza primaria (medicina di famiglia); continuità assistenziale; emergenza territoriale (118) e medicina dei servizi.

Il nuovo accordo per i medici di famiglia prevede:

·                    la nuova riorganizzazione delle forme associative con l’abolizione di quei tetti che finora hanno frenato lo sviluppo di questa forma organizzata di lavoro della medicina generale;

·                    l’avvio di forme di governo clinico nella nostra professione

·                    l’assunzione diretta di infermieri e collaboratori di studio per rispondere alle esigenze del governo clinico

·                    la regolamentazione della partecipazione dei medici di famiglia alla programmazione e al monitoraggio delle attività così come previsto dalle leggi regionali 25 e 26 del 2006

·                    il potenziamento dell’assistenza domiciliare ed iniziali forme di de-burocratizzazione

·                    la ri-definizione del rapporto ottimale e degli ambiti di scelta

·                    l’integrazione con la continuità assistenziale con avvio di forme iniziali di equipe territoriali

Sono ancora in discussione parti di accordo della continuità assistenziale e della medicina dei servizi e alcune code normative per l’assistenza primaria. Di particolare importanza il tema delle tutele e dei diritti dei lavoratori per quanto riguarda infortuni e malattie.

Abbiamo lavorato intensamente, impegnando mediamente tre pomeriggi settimanali da gennaio ad agosto di questa torrida estate, riuscendo a riportare il rapporto con la Regione e con l’Assessore Tedesco ad un livello ottimale di collaborazione. Eppure, solo un anno fa - ricorderete - avevamo fatto ricorso al Giudice del Lavoro denunciando l’inerzia della pubblica amministrazione nella contrattazione regionale.

Oggi possiamo guardare il futuro con maggiore ottimismo, nella certezza che il contratto regionale sarà presto una gradita realtà.

Buona estate!

Home

Utenti on line:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008