Al Direttore Generale Azienda Ospedaliera Ospedale Consorziale Policlinico

Ai Direttori Generali AA.UU.SS.LL.

Ai Direttori Generali Aziende Ospedaliere della Regione

Agli II.R.C.C.S.

Agli Enti Ecclesiastici

Alla Svim Service Spa

LORO SEDI

Oggetto: D.M. 10.09.98 - Prestazioni ambulatoriali esenti per gravidanza. (prot. 24/1435/116/18 del 2 febbraio 2000

In riscontro alla richiesta di chiarimenti formulata con nota n.85/U.O.P. del 07.01.2000, nel richiamare e confermare quanto già detto sull'argomento con note n. 24/24791/116118 del 13.11.98 e n.24/27855/116/18 del 24.11.98, si precisa quanto segue.

Così come evidenziato con la citata nota del 13.11.98, la prescrizione delle prestazioni di diagnostica strumentale e di laboratorio e delle altre prestazioni specialistiche in favore delle donne in stato di gravidanza deve essere obbligatoriamente effettuata dallo specialista in presenza delle condizioni di rischio previste:

dall'art.2 del D.M. 10.09.98;

dall'allegato A, punto 4 (abortività ripetuta o pregresse patologie della gravidanza);

dall'allegato B, in caso di minaccia di aborto;

dall'allegato C, prestazioni specialistiche per diagnosi prenatale.

 

La prescrizione effettuata da specialista operante presso le strutture accreditate, pubbliche o private, ivi compresi i consultori familiari, deve essere effettuata su ricetta del S.S.N., sempre che la struttura ne sia in possesso. In caso contrario, la proposta dello specialista, redatta sul formulario della struttura, sarà allegata alla prescrizione che il medico di base effettuerà sul ricettario del S.S.N..

Per la richiesta di prestazioni relative all'allegato B (gravidanza fisiologica), non è richiesta la prescrizione da parte dello specialista; quest'ultima, come già chiarito, è richiesta solo per le prestazioni relative alla minaccia di aborto.

Infine, si precisa che:

• l'indicazione di "minaccia di aborto" deve essere indicata dal prescrittore nella ricetta dopo la prescrizione delle prestazioni: nella casella relativa alle Esenzioni dovrà essere barrata la lettera A e nella casella relativa al Numero "Settimana Nr . ...";

• l'indicazione di "gravidanza a rischio" deve essere indicata dal prescrittore nella ricetta dopo la prescrizione delle prestazioni: nella casella relativa alle Esenzioni dovrà essere barrata la lettera A e nella casella relativa al Numero "Diagnosi prenatale `;

• l'indicazione di "pregresse patologie della gravidanza" o "abortività ripetuta" deve essere indicata dal prescrittore nella ricetta dopo la prescrizione delle prestazioni: nella casella relativa alle Esenzioni dovrà essere barrata la lettera A e nella casella relativa al Numero °preconcezionale"

I Sigg.ri Direttori Generali delle AA.SS.LL., che leggono per conoscenza, sono invitati a dare diffusione della presente agli operatori, pubblici o equiparati e privati interessati.

 

Il dirigente Responsabile: Dott. Michele Petroli