REGIONE PUGLIA

ASSESSORATO ALLA SANITA' E SERVIZI SOCIALI SETTORE SANITA' UFFICIO 15

Al Ministero della Sanità Dipartimento per la valutazione dei medicinali e la farmacovigilanza ROMA

Ai Direttori Generali Delle Aziende U.S.L. LORO SEDI

Ai Direttori Sanitari Delle Aziende U.S.L. LORO SEDI

Ai Dirigenti Aree Farmaceutiche Delle Aziende U.S.L. LORO SEDI

Ai Direttori Generali Aziende Ospedaliere LORO SEDI

Ai Direttori Sanitari Delle Aziende Ospedaliere LORO SEDI

Ai Direttori di Farmacia Delle aziende Ospedaliere LORO SEDI

Agli Enti Ecclesiastici LORO SEDI

Agli I.R.C.C.S LORO SEDI

A tutte le Unità Di valutazione Progetto CRONOS LORO SEDI

Al Presidente Federfarma Puglia Via A. de Gasperi , 292 BARI

Al Presidente Ordine dei Medici della Prov. Di BA-BR-BR-FG-LE-TA LORO SEDI

Ai Responsabili Ditte Produttrici: SIGMA TAU PFIZER ITALIA BRACCO NOVARTIS LORO SEDI

OGGETTO: Progetto rimborsabilità Alzheimer- Seguito alla nota assessorile 24/20088/521/15 del 12 settembre 2000.

Si trasmette per opportuna conoscenza e per eventuale possibile attività di raccordo tra le stesse , elenco già inviato al Ministero della Sanità riguardante le Unità di Valutazione (UVA) individuate dalla Regione su indicazione degli Enti competenti, nonché l'integrazione allo stesso.

Alle UVA si trasmettono, altresi , le schede di monitoraggio dei piani di trattamento farmacologico per la malattia Alzheimer.

Per le UVA, previste dal DM 141 del 20 luglio 2000, la data di inizio attività indicata nel 16 settembre u.s. .

Le stesse attueranno un percorso assistenziale di rilevante importanza sociale in quanto non di semplice distribuzione di farmaci si tratta , ma di un progetto terapeutico complessivo , preceduto da attività di diagnosi accurata il tutto soggetto a monitoraggio da parte del Ministero e della regione Puglia per gli aspetti epidemiologici e di farmacovigilanza.

Già nella nota assessorile di cui all'oggetto sono state indicate le modalità operative e i criteri di inclusione, peraltro meglio specificati nel D.M. 141 già citato.

A tal proposito è necessario puntualizzare che la competenza primaria per la diagnosi e piano terapeutico della malattia in questione si attiene soprattutto ai neurologi , in quanto la componente essenziale del morbo di Alzheimer è neurologica , connessa alle competenze geriatriche , internistiche e psichiatriche.

Da ciò deriva la necessità che in ogni UVA sia presente la figura del neurologo , anche in collegamento con altre UVA che ne prevedono la presenza

Occorre inoltre allertare le UVA affinché siano pronte ad iniziare il loro programma di arruolamento, diagnosi e piano terapeutico , nonché dare disposizioni sulla acquisizione e distribuzione dei farmaci .

Già si è detto che le Aziende produttrici interessate forniranno gratuitamente i farmaci occorrenti per 4 mesi di terapia per ciascun paziente.

Al riguardo è importante sottolineare che la competenza per quanto attiene l'acquisizione , distribuzione e conservazione dei farmaci è della Area Servizio Farmaceutico se trattasi di strutture (UVA) inserite territorialmente in una Azienda USL , che provvederà alla distribuzione ai Centri secondo un fabbisogno programmato; la competenza per le altre UVA è della Farmacia se trattasi di Azienda Ospedaliera, IRCCS o Enti Ecclesiastici.

Le unità, che provvederanno alla materiale distribuzione ai pazienti dovranno dotarsi di un registro di carico e scarico specifico al progetto CRONOS.

E' importante, che l'arruolamento preveda l'impiego paritario dei due principi attivi, per poter assicurare maggiore comparabilità tra gruppi di pazienti a confronto.

Inoltre si raccomanda che, per il principio di pari opportunità, l'acquisizione dei farmaci avvenga egualmente presso ciascuna Azienda produttrice.

La distribuzione dei farmaci ai medici prescrittori, responsabili delle strutture individuate, sarà sempre effettuata in base a programmi di fabbisogno terapeutico mensile, di cui devono tener conto sia i farmacisti, che i medici.

Le schede relative ai pazienti reclutati, compilate e tenute dalle UVA che ne seguono il percorso terapeutico, saranno trasmesse in copia alle USL competenti che quadrimestralmente predisporranno un rapporto riepilogativo per il Ministero e la Regione.

Le UVA che tratteranno pazienti appartenenti alle ASL di altre Regioni, trasmetteranno copia della 1° scheda di diagnosi trattenendosi l'originale, in quanto a dette USL spetta il compito del proseguo della terapia.

Si rammenta che dopo quattro mesi di terapia a carico delle Aziende produttrici, per ciascun paziente provvedere il medico di base a formulare la ricetta su ricettario del S.S.N evidenziando sulla ricetta " CRONOS ", in sintonia con il programma terapeutico e la stessa potrà essere spedita nelle farmacie aperte al pubblico.

I Servizi Farmaceutici di competenza, avranno cura di effettuare ogni utile controllo perché non vengano erogati a carico del SSN farmaci non coerenti con il progetto in questione. ( es. invio separato delle ricette di che trattasi da parte delle farmacie private, verifica incrociata delle prescrizioni con le schede dei pazienti reclutati ecc..).

Si invita ciascuna struttura ( UVA ) di cui all'allegato elenco, a trasmettere l'inizio della attività di che trattasi all'Assessorato scrivente - Assessorato Sanità Servizio Assistenza Farmaceutica . Tel 080/5403143 - 5403145 Fax 080/5403143.

II Dirigente Ufficio Assistenza Farmaceutica ( Sig.ra Carmela Cavallo)

II Coordinatore di Settore ( Dott. , Carlo Di Cillo )