LE MODIFICHE IN DISCUSSIONE AL CODICE DEONTOLOGICO FARMINDUSTRIA

 

L'estratto riportato potra' essere soggetto a modifiche derivanti dalla discussione tra le parti.

Fonte:

International Pharmaceutical Congress
Advisory Association
Sezione Italiana

L'ATTUALE CODICE 

3. Congressi, convegni e riunioni scientifiche


Principi generali
3.1 Ferme restando le disposizioni normative vigenti in materia, sono da intendersi oggetto della presente trattazione quei convegni, congressi e riunioni scientifiche su tematiche comunque attinenti all'impiego dei medicinali, che rappresentano occasione di incontro tra industria ed operatori sanitari e che sono rivolte ad una pluralità di partecipanti.
Fanno eccezione le interviste cosiddette di gruppo condotte direttamente sul luogo di lavoro degli operatori sanitari stessi.

3.2 La partecipazione alle manifestazioni congressuali da parte delle aziende deve comunque essere connessa al ruolo svolto dalle industrie nei settori della ricerca, sviluppo e informazione scientifica e dovrà essere ispirata a criteri di eticità, scientificità ed economicità.

3.3 L'obiettivo primario della partecipazione o organizzazione di convegni e congressi di livello internazionale e nazionale deve essere indirizzato allo sviluppo della collaborazione scientifica con la classe medica. Sono equiparati a tutti gli effetti a questo tipo di manifestazioni quegli eventi che, pur svolgendosi ad un livello almeno regionale, hanno il proposito di sviluppare la conoscenza scientifica e di completare l'attività di informazione sui farmaci.

3.4 La finalità delle riunioni scientifiche a livello locale viene invece riconosciuta essere esclusivamente quella del completamento dell'attività di informazione scientifica sui farmaci.

Le diverse tipologie
3.5 Le manifestazioni di cui al punto 3.3 devono tenersi in località e sedi adeguate, ed essere caratterizzate da una congrua partecipazione di medici e da un programma scientifico qualificante. L'ambito territoriale di provenienza dei partecipanti dovrà essere di livello internazionale, nazionale o almeno regionale.

3.6 Le riunioni scientifiche a livello locale di cui al punto 3.4 sono caratterizzate da una partecipazione contenuta di medici e da una limitata durata dei lavori. L'ambito territoriale di provenienza dei partecipanti sarà prevedibilmente inferiore a quello regionale.

La sponsorizzazione
3.7 Le manifestazioni di cui al punto 3.3 possono essere sponsorizzate dalle aziende farmaceutiche solo se organizzate da società scientifiche nazionali (comprese le sezioni regionali) e sovranazionali, da accademie, enti morali e fondazioni riconosciute dallo Stato o dalle Regioni, da università ed enti ospedalieri nel loro ambito, da Federazioni di ordini di medici (comprese le sezioni regionali).Tali manifestazioni potranno essere anche organizzate direttamente dalle aziende stesse o loro fondazioni. In tale ipotesi, detto fatto dovrà essere portato a conoscenza dei partecipanti.

3.8 Le riunioni scientifiche a livello locale devono essere direttamente organizzate dalle aziende farmaceutiche.

Le manifestazioni internazionali, nazionali e regionali
3.9 La partecipazione delle aziende alle manifestazioni congressuali di cui al punto 3.3, sia per quanto riguarda gli oneri di ospitalità per la presenza di operatori che per quanto riguarda eventuali erogazioni di carattere economico, dovrà essere limitata al momento scientifico della manifestazione, oltre a quanto strettamente necessario per il trasferimento da e per la sede congressuale e dovrà risultare da riscontri contabili.

3.10 Nel corso di tali manifestazioni eventuali oneri di ospitalità a carico delle aziende farmaceutiche non possono riguardare i medici generici.

3.11 Nell'ambito delle manifestazioni in esame è fatto divieto di organizzare iniziative autonome di tipo sociale, culturale o turistico a latere del Congresso o comunque non organizzate dal Congresso stesso per la collegialità del partecipanti. È inoltre esclusa l'ospitalità per accompagnatori a qualsiasi livello e sotto qualsiasi forma.

3.12 Nel caso di congressi che si svolgono all'estero, anche se costituiti da più manifestazioni congressuali, ogni azienda non potrà ospitare più di 50 operatori complessivi.

3.13 Al fine di garantire la trasparenza dell'operato relativamente a chi organizza, finanzia e partecipa alle manifestazioni congressuali, le aziende per ogni finanziamento effettuato a favore di enti organizzatori dovranno farsi rilasciare il consuntivo di spesa che specifichi le modalità di utilizzazione del finanziamento stesso.

Le riunioni scientifiche a livello locale
3.14 Fermi sempre rimanendo i vincoli posti dalle norme legislative, l'organizzazione delle riunioni scientifiche a livello locale deve essere direttamente realizzata dalle aziende.

3.15 Le riunioni scientifiche organizzate a livello locale devono essere tenute in sedi quali ospedali, università e fondazioni di carattere scientifico. Nel caso di indisponibilità di tali sedi, le riunioni dovranno essere comunque organizzate in luoghi idonei quali ad esempio sale congressuali tali da assicurare dignità scientifica, con esclusione dei ristoranti.

3.16 Le riunioni suddette devono prevedere relazioni a carattere scientifico preferibilmente tenute da funzionari aziendali operanti nell'area dell'informazione scientifica e/o medica e/o ricerca.
In tali occasioni le aziende potranno eventualmente avvalersi di personalità del mondo scientifico (universitario o ospedaliero).
Nel corso della riunione potrà essere offerto ai medici partecipanti esclusivamente un coffee-break.

3.17 Anche per le riunioni a livello locale dovranno essere disponibili presso le aziende organizzatrici i relativi riscontri contabili.

I corsi di aggiornamento
3.18 Ai corsi di aggiornamento medico-scientifico organizzati a qualsiasi livello territoriale vanno applicate le stesse norme sopra riportate per congressi, convegni e riunioni scientifiche.

3.19 È fatto divieto di organizzare e sponsorizzare la partecipazione di operatori a corsi di aggiornamento non aventi una finalizzazione medico-scientifica quali corsi di lingua straniera, di natura informatica, fiscale, o iniziative analoghe.
È possibile prevedere l'organizzazione di corsi di aggiornamento finalizzati a supportare le specifiche iniziative delle aziende individuate al punto 2.16.

Le visite ai laboratori aziendali
3.20 È consentita la visita dei medici ai laboratori aziendali situati in Italia, con oneri di ospitalità (viaggio, vitto ed un solo pernottamento) a carico dell'impresa e per una durata massima di 36 ore inclusi i tempi di trasferimento.
Le visite ai laboratori aziendali situati all'estero sono consentite solo ai medici specialisti e seguono le regole del Codice in materia di convegni e congressi.

Gli Investigators meetings
3.21 Per Investigators meetings devono intendersi le riunioni di studio per la valutazione di un farmaco nella fase precedente l'immissione in commercio del prodotto.
Qualora un'azienda provveda all'organizzazione di specifici Investigators meetings questi dovranno prevedere un numero di partecipanti proporzionale al numero dei Centri coinvolti nello studio, dovranno essere comprovati dall'esistenza di uno specifico protocollo depositato presso il Ministero della Sanità ed essere privi di eventuali ricadute promozionali.
La durata dell'iniziativa dovrà essere conforme con il programma dei lavori con esclusione di eventuali aspetti turistico-ludici e di spese di ospitalità per accompagnatori a qualsiasi livello.
Gli Investigators meetings dovranno tenersi in località adeguate alle caratteristiche dell'iniziativa.

I rapporti di rappresentanza
3.22 Nell'ambito delle normali esigenze di pubbliche relazioni delle aziende, è consentita la realizzazione di pranzi e cene di rappresentanza, a condizione che sia presente un esiguo numero di medici e personale direttivo della sede centrale dell'azienda e che si tratti di un numero limitato di iniziative comunque giustificate da reali esigenze di pubbliche relazioni.

Controlli
3.23 Al fine di acquisire specifici elementi conoscitivi in ordine all'ottemperanza da parte delle aziende alle disposizioni previste dal presente punto in ordine alla realizzazione di convegni e congressi, potranno essere effettuate dalla Farmindustria, tramite società indipendenti, specializzate e caratterizzate da notoria riservatezza, specifiche indagini in materia presso le aziende.

3.24 Il Comitato di controllo inoltre, anche in assenza di specifica segnalazione, potrà, in occasione di convegni di rilevanza nazionale o internazionale, richiedere alle aziende partecipanti copia del consuntivo delle spese sostenute per l'ospitalità di medici.

Le modifiche in discussione

3. Congressi, convegni e riunioni scientifiche

Principi generali

1.4 Il rispetto del Codice comporta, da parte delle industrie aderenti alla Farmindustria:

  • l'osservanza delle delibere degli organi associativi adottate in conformità alle norme statutarie, ai principi di concorrenza, ed ai principi democratici, astenendosi da iniziative che contrastino con le delibere stesse;

  • il rispetto di una competizione leale fra le industrie stesse indirizzando l'attività dell'impresa, nei suoi vari aspetti, in modo da non ledere i legittimi interessi delle altre;

  • il contributo di ciascuna azienda per la difesa di una buona immagine dell'industria farmaceutica verso il mondo esterno.

1.6 Il Comitato di controllo del Codice deontologico applicando i suddetti principi generali si prefigge l'obiettivo prioritario di orientare il cumportamento delle industrie associate secondo lo spirito della deontologia.
Le competenze e le attività del Comitato di controllo e del Giurì sono limitate alla finalità esclusiva di assicurare il rispetta della disciplina del Codice deontologico.


Il materiale promozionale

2.13 Nel quadro delle attività di informazione e presentazione dei medicinali svolta presso Medici o Farmacisti è vietato concedere, offrire o promettere premi, vantaggi pecuniari o in natura, salvo che siano di valore trascurabile e siano comunque collegabili alla attività espletata dal medico e dal farmacista

2.14 ABROGATO

3.7 ABROGATO

3.8 ABROGATO

Manifestazioni internazionali, nazionali e regionali

3.9 La partecipazione delle aziende alle manifestazioni congressuali con riguardo all'ospitalità offerta, non può eccedere il periodo di tempo compreso tra le dodici ore precedenti l'inizio del Congresso e le dodici ore successive alla conclusione del medesimo, nè presentare caratteristiche tali da prevalere sulle finalità tecnico-scientifiche della manifestazione.

3.12 ABROGATO

3.13 ABROGATO

3.14 ABROGATO

3.17 ABROGATO

Le visite ai laboratori aziendali

3.20 E' consentita la visita dei medici ai laboratori aziendali a condizione che la stessa non ecceda i tempi strettamente necessari per il suo reale svolgimento, l'ospitalità offerta sia limitata al periodo di tempo compreso tra le dodici ore precedenti l'inizio e le dodici ore successive alla conclusione dell 'iniziativa e non preseni caratteristiche tali da prevalere sulle finalità tecniche della visita stessa. In tali occasioni, inoltre, è esclusa l'ospitalità per accompagnatori a qualsiasi livello e sotto qualsiasi forma.

3.23 ABROGATO

3.24 ABROGATO

 
Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: messo in rete il 25/02/08