Il Comitato Permanente Regionale approva il nuovo Accordo Regionale 

Area Riservata Iscritti Fimmg

il testo dell'Accordo Regionale

 

Il Comitato Permanente Regionale approva il nuovo Accordo Regionale 

Il comitato permanente regionale ha approvato oggi il nuovo accordo regionale per la medicina generale. L’accordo sottoscritto da tutti i componenti di parte pubblica e sindacale sarà successivamente sottoscritto formalmente dall’Assessore e poi recepito dalla Giunta Regionale.

L’Accordo costituisce completamento ed integrazione dell’accordo regionale del 8/10/2007.

Con l’odierno accordo tutti i progetti obiettivo biennali diventano attività strutturata dei Medici di Medicina Generale, perdendo il carattere di limitazione nel tempo delle attività.

Le risorse residue dei fondi che alimentano gli istituti contrattuali dell’accordo regionale possono essere riutilizzate come finanziamento per ulteriori progetti definiti a livello aziendale, ai sensi dell’art. 25 dell’ACN.

Vengono individuate nuove figure professionali, come l’ostetrica, il terapista della riabilitazione e l’assistente sanitario, che possono essere inserite nelle organizzazioni di studio.

L’accordo prevede un ulteriore sostegno alle forme associative Super Gruppo.

La nuova impostazione dell’attività di gestione della cartella clinica che viene standardizzata adottando la modalità di gestione per problema è una scelta qualificante, innovativa e primo esempio su tutto il territorio nazionale. Nella fase iniziale tale attività sarà limitata alle diagnosi ipertensione arteriosa e diabete mellito. Una scelta che indubbiamente punta sulla qualità del lavoro del Medico di Medicina Generale in quanto costituisce il presupposto per avviare l’attività di studio e ricerca epidemiologica oltre a consentire l’audit professionale degli operatori.

L’accordo definisce  anche le modalità operative del progetto RCV e diabete mellito. Per quanto riguarda il progetto RCV, l’accordo consente la partecipazione anche ai medici che non hanno aderito alla prima fase del progetto stesso o non hanno superato il 35% del reclutamento della popolazione target.

L’accordo completa il percorso di partecipazione della medicina generale al governo del sistema attraverso l’istituzione di un referente regionale per la medicina generale.

Sono istituiti i nuclei di formazione della sanità elettronica NuFoSE per il perseguimento degli obiettivi regionali in tema di sanità elettronica.

I progetti di integrazione tra Continuità Assistenziale e Assistenza Primaria sono finanziati con un fondo aziendale commisurato al numero di cittadini residenti.

La regione si è impegnata a finanziare l’accordo stanziando risorse per 6 milioni di Euro.

 Bari, 29 gennaio 2010