La Fimmg per gli ammalati cronici: ridurre i ticket per le patologie croniche

Home

Documento depositato al CRP del 24.6.2003

All’ Assessore alla Sanità, Dott. Salvatore Mazzaracchio

Presidente del Comitato Permanente per la MG

Egr. Presidente,

con la DGR 1162/02 sono stati introdotti in Puglia i ticket sui farmaci e le relative esenzioni parziali o totali. In particolare, per i soggetti affetti da malattie croniche (L. 329/99), malattie rare e neoplasie maligne non è prevista alcuna esenzione. Tuttavia, se tali soggetti fanno parte di un nucleo familiare con reddito annuo fino a € 16.000 potranno usufruire dell'esenzione parziale ovvero corrispondere sempre € 1 per ricetta e € 1 a confezione farmaceutica, invece di € 1,50 previsto per i non esenti.

La complessità di queste patologie (diabete, ipertensione arteriosa, cardiopatie, malattie del connettivo, epatite cronica, insufficienza renale cronica, neoplasie maligne e così via) e l'impegno economico non indifferente da parte di ogni singolo ammalato per curare, in genere per tutta la vita, queste malattie, ci inducono a chiederLe di prendere in esame alcune ipotesi di modifica del regime di esenzione.

Infatti, questi soggetti sono costretti ad assumere farmaci una o più volte al giorno. Spesso accade, come nei soggetti affetti da malattie neoplastiche, che bisogna far uso di farmaci per ridurre gli effetti collaterali o controbilanciare gli effetti tossici di terapie aggressive - come la chemioterapia - per curare la patologia di base (la neoplasia).

Sotto certi aspetti, ed in questi particolari casi, il ticket sui farmaci viene percepito come una "odiosa tassa" che grava su coloro che, per sorte avversa, sono affetti da una grave malattia.

Per i soggetti affetti da malattie croniche (L. 329/99), malattie rare e da neoplasie maligne si dovrebbe prendere in esame la possibilità di introdurre un regime di esenzione ad hoc. In particolare si potrebbe prevedere, per tali soggetti, la riduzione del ticket sul singolo pezzo. Infatti, la previsione di eliminare il ticket fisso sulla ricetta e l’aumento da € 1,50 a € 2 su singolo pezzo, serviranno sicuramente a ridurre la prescrizione dei due pezzi sulla singola ricetta, al fine di compensare il ticket fisso sulla singola prescrizione. Tuttavia per i malati cronici si potrebbe, contestualmente, ridurre il ticket da € 2 a € 1 su singolo pezzo, aldilà del reddito familiare posseduto.

Ribadendo la disponibilità dei medici di famiglia alla collaborazione, colgo l'occasione per salutarLa cordialmente.

Bari,

 

Il Segretario regionale FIMMG

Dott. Filippo Anelli

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione