Elezione per organi statutari della Fimmg Puglia

 

Elezione per organi statutari della Fimmg Puglia

Linee Programmatiche della Segreteria Regionale Fimmg 2005- 2009

 

Segreteria Regionale

 

Segretario Generale Regionale:             dott. Filippo Anelli

Vice Segretario Vicario:                        dott. Ignazio Aprile

Vice Segretario:                                   dott. Vito De Robertis Lombardi

Vice Segretario:                                   dott. Donato Monopoli

Vice Segretario:                                   dott. Fernando Monte

Vice Segretario:                                   dott. Salvatore Onorati

Segretario Amministrativo:                   dott. Paolo Terenzio

Segretario Organizzativo:                     dott. Giovanni Sportelli

 

Collegio dei  Revisori

 

Dott. Giulio Avarello

Dott. Benedetto Del Vecchio

Dott. Vincenzo Ferrari

 

Dott. Nicola Calabrese - supplente

 

Responsabile della comunicazione cooptato

 

Dott. Giancarlo Tricarico

 

Linee Programmatiche della Segreteria Regionale Fimmg 2005- 2009

 

Il rinnovo del Consiglio Regionale della Fimmg Puglia e la elezione della nuova segreteria regionale della Fimmg pugliese costituiscono un forte momento di crescita e di verifica di un percorso di rinnovamento e di ammodernamento del sindacato iniziato nel novembre 2001.

Molti obiettivi sono stati raggiunti e molte sfide ci attendono in questo particolare frangente della storia della nostra Regione.

Sul piano interno si è privilegiato il momento della condivisione e della partecipazione alle decisioni più importanti del sindacato. Tutte le province sono state coinvolte nelle decisioni e nella elaborazione delle strategie sindacali. La segreteria regionale ha svolto un lavoro immenso, riunendosi spessissimo, elaborando strategie e proposte concrete, come il contratto regionale.

Tutti i settori sono rappresentati, anche il 118 aggiuntosi da poco. Tutti hanno partecipato alla elaborazione dell’accordo regionale e hanno ottenuto la massima attenzione da parte della segreteria regionale. Per il settore emergenza territoriale è stato necessario sottoscrivere in estate un accordo regionale aggiuntivo, che ha ridato dignità professionale ai medici del 118.

L’accordo regionale, salutato con soddisfazione da tutti i mmg pugliesi, ha dato impulso alle cure primarie in Puglia, incentivando e potenziando l’associazionismo, l’informatizzazione e le cure domiciliari. L’intesa raggiunta ha recepito anche il nuovo modello di approccio alla prescrizione, non più basata sull’arida nozione di tetto di spesa, ma ha introdotto il concetto di budget etico legato all’appropriatezza.

Sul piano politico, l’azione sindacale, iniziata peraltro in un momento storico difficile a livello nazionale e regionale quando sembrava quasi a rischio la stessa sopravvivenza del SSN come oggi lo conosciamo, è riuscita a produrre un cambiamento epocale nei rapporti tra Fimmg e Regione Puglia. Dalla contrapposizione dura, che ha visto, per la prima volta nella storia del sindacalismo pugliese, i mmg scendere in piazza il 5 aprile 2003, si è passati al confronto costruttivo, avviando un processo di coinvolgimento anche nella fase decisionale.

Tale processo potrebbe essere agevolato dalla scelta del Governo regionale di perseguire una più efficace concertazione con le forze sindacali. Tuttavia, molto resta da fare in questo settore. Il perseguimento di queste politiche sarà uno degli obiettivi della nuova segretaria regionale.

Anche sul piano nazionale l’immagine della Fimmg Puglia ha iniziato ad assumere una sua peculiare fisionomia. La crescita del numero degli iscritti (siamo oramai la 4^ regione per numero di iscritti), il numero di interventi da parte dei membri della segreteria nei consigli nazionali e nei congressi, l’esperienza sindacale propria della Puglia (la lobby etica) e la metodologia gestionale della sezione pugliese, rappresentano l’epifenomeno di una forte crescita da parte della nostra regione. Per queste ragioni sarà compito della nuova segreteria regionale adoperarsi per ottenere un adeguato riconoscimento per la nostra sezione e contribuire così al rinnovo degli organi statutari nazionali.

Viviamo un momento delicato della storia del sindacato, da una parte legato all’impegno a migliorare le conquiste contrattuali, a difendere il SSN e a tutelare i diritti dei cittadini, d’altra a rendere ancor più incisiva l’azione sindacale attraverso l’apertura di un nuovo fronte di impegno che prevede il diretto coinvolgimento in politica di molti nostri dirigenti sindacali. Non si tratta di un impegno a titolo personale, ma di un compito affidato a dirigenti sindacali nell’ambito di un progetto generale di rilancio del SSN e del ruolo delle cure primarie ove ognuno, per il ruolo e le mansioni che svolge, deve fare sino in fondo la sua parte.

La nuova segreteria dovrà gestire questa delicata fase che, se non ben chiarita, potrebbe determinare un senso di smarrimento tra gli iscritti.

Oggi, i mmg pugliesi, grazie alla Fimmg Puglia, sono cresciuti e sono in grado di raggiungere con successo nuovi traguardi nella tutela della salute dei cittadini pugliesi. Per questo è necessario sottoscrivere, quanto prima, il nuovo accordo regionale per la medicina generale.

La nuova segreteria dovrà affrontare, come compito prioritario, la elaborazione di una proposta contrattuale per la stipula del nuovo accordo regionale. Tale proposta dovrà tener conto:

  1. della definizione degli aspetti strutturali della medicina generale: associazionismo, collaboratori di studio ed infermieri, standard informatici (istituzione di una rete informatica della medicina generale anche con collegamento con un server remoto), rapporto ottimale;
  2. del governo clinico e di un percorso condiviso sull’appropriatezza, attraverso una rete di governo delle cure primarie che coinvolga e renda operativi gli Uffici di Coordinamento distrettuali;
  3. di obiettivi di salute da raggiungere (anche come superamento culturale degli obiettivi legati solo alla spesa);
  4. degli aspetti organizzativi in grado di potenziare le cure primarie, organizzando la presenza di un servizio h24 attraverso l’integrazione con le altre figure professionali;
  5. delle problematiche della formazione e ricerca, recuperando un ruolo primario sotto il profilo organizzativo in grado di superare la delega in questo campo, non più sostenibile, agli Ordini Professioni.

Una particolare attenzione dovrà porsi alla legge di riordino del Distretto socio-sanitario in quanto coinvolge direttamente la medicina generale e le cure primarie. Anche in questo settore è fondamentale recuperare l’autonomia nella gestione delle cure primarie, individuare un approccio multiprofessionale nell’assistenza distrettuale, prevedere un ruolo anche nella fase di committenza delle cure primarie.

Infine sarà necessario seguire con molta attenzione il processo di riordino territoriale delle Aziende AUSL pugliesi oggi con la nascita della nuova AUSL BAT/1 a seguito dell’istituzione della nuova provincia BAT e domani con il probabile passaggio alle AUSL provinciali. Anche in questo caso la nuova segreteria regionale dovrà mettere in campo iniziative tese a tutelare i diritti acquisiti dei medici evitando di dilapidare un patrimonio contrattuale aziendale che in questi anni si è riusciti faticosamente a costruire,

Per realizzare questo importante progetto è necessario che ognuno svolga con impegno e puntualità il proprio compito ed il proprio ruolo, senza invadere o prevaricare quello altrui. Il consiglio regionale dovrà elaborare le linee programmatiche della sezione regionale. La segreteria dovrà individuare e predisporre le proposte operative e le strategie politiche per consentire al Segretario Regionale di conseguire gli obiettivi prefissati dal Consiglio e dalla Segreteria regionale.

Bari 7/12/2005

 

Home

  Utenti in linea:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008