UN’ORA PER LA SALUTE. 

Comunicato Intersindacale Medici

DAL 9 MARZO I MEDICI DI FAMIGLIA, SOLIDALMENTE CON TUTTE LE MAGGIORI ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE PROFESSIONI MEDICHE, SARANNO IMPEGNATI IN UNA  MOBILITAZIONE SENZA PRECEDENTI CHE CULMINERA’ NELLA GRANDE MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEI CAMICI BIANCHI IL 24 APRILE , A ROMA. LA FIMMG E’ PARTE ATTIVA DELL’INTERSINDACALE DEL MONDO MEDICO DIPENDENTE E CONVENZIONATO. 

UN’ORA PER LA SALUTE. 

IL 9 MARZO GLI STUDI DEI MEDICI DI FAMIGLIA, PER UN’ORA, SI APRONO A UN LIBERO CONFRONTO CON I CITTADINI UTENTI SUI PROBLEMI IRRISOLTI DELLA SANITA’. I MEDICI DI FAMIGLIA SPIEGANO AI LORO PAZIENTI LE RAGIONI DELL’AGITAZIONE E CHIEDONO UN’AZIONE SOLIDALE PER RICHIAMARE IL GOVERNO E LE REGIONI A  MANTENERE GLI IMPEGNI FINANZIARI E ORGANIZZATIVI PRESI, E NON ANCORA MANTENUTI, A SOSTEGNO DELL’ASSISTENZA TERRITORIALE, PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA CONTINUITA’ TERRITORIALE, PER RIAFFERMARE LA VALIDITA’ DEL SERVIZIO SANITARIO PUBBLICO E NAZIONALE, QUALE BALUARDO INSOSTITUIBILE PER LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI.

I medici di famiglia chiedono al Governo e alla Regione di finanziare subito il SSN in modo da garantire uniformità di accesso e equità delle prestazioni per tutti; di fermare la deriva che rischia di portare   alla frammentazione della sanità pubblica in 21 servizi sanitari diversi e diseguali; di rinnovare i contratti del personale sanitario e le convenzioni, ampiamente scaduti ; di riorganizzare la medicina sul territorio per garantire, non solo a parole, ai cittadini l’assistenza 24 ore su 24; di riqualificare la formazione del personale sanitario; di consentire ai medici di fare i medici e non i burocrati. A questo proposito la Fimmg esprime soddisfazione per l’approvazione, in Senato, di norme che riportano a condizioni di ragionevolezza gli adempimenti sulla privacy negli studi medici.  

I medici di famiglia, pur rispettosi del diritto alla riservatezza dei dati personali, del resto già tutelato dalla legge e dalla deontologia della professione medica, tuttavia sono contrari alla spersonalizzazione dei cittadino di fronte al servizio sanitario, in particolare giudicano rischioso l’anonimato delle prescrizioni e inutile sovraccarico del lavoro del medico gli adempimenti burocratici connessi. Il risultato ottenuto in Senato, che dovrà essere confermato alla Camera, premia un’intensa battaglia di opinione fatta dalla Fimmg. 

L’Intersindacale ha costituito un’Unità di crisi, composta dai rappresentanti delle varie sigle sindacali, con il compito di valutare l’andamento dell’agitazione e di decidere, se del caso, ulteriori azioni di protesta, anche Regione per Regione.

Bari, 08 marzo 2004

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: in rete dal 25/02/2008