Medico di famiglia arrestato

Condanniamo con determinazione ogni tentativo di truffa ai danni del Servizio Sanitario:  Fiducia nei medici e nella magistratura

 

Medico di famiglia arrestato

Condanniamo con determinazione ogni tentativo di truffa ai danni del Servizio Sanitario:  Fiducia nei medici e nella magistratura

 

“Condanniamo con determinazione ogni tentativo di truffa ai danni del SSN”,ha esordito così il dott. Vito De Robertis Lombardi – Segretario Provinciale della FIMMG Bari e responsabile dell’Ufficio Aziendale delle Cure primarie della ASL Bari - alla notizia relativa all’arresto di un medico di famiglia per presunta frode e truffa aggravata al Servizio Sanitario per l’Assistenza Domiciliare Programmata a pazienti non deambulabili”.

L‘Assistenza domiciliare, nelle varie forme previste dall’Accordo Regionale – ADP (Assistenza Domiciliare Programmata), ADI (Assistenza domiciliare integrata), ADT (Assistenza domiciliare Temporanea) -  rappresenta uno strumento indispensabile per fornire ai cittadini l’assistenza sanitaria presso il proprio domicilio per monitorare le patologie croniche o affrontare i problemi acuti di salute, quando non sia necessario o appropriato il ricovero.

“Abbiamo fortemente voluto potenziare queste modalità assistenziali introducendo anche istituti innovativi, nell’Accordo Regionale per la Medicina generale”, - continua il dottor  De Robertis – “perché siamo convinti che la crescente domanda di salute in un popolazione che invecchia può trovare risposte assistenziali solo a domicilio attraverso la rete territoriale della quale i Medici di Famiglia sono una componente fondamentale. Non consentiremo a nessuno di vanificare gli sforzi profusi in tal senso”.

I Medici di Famiglia si sentono protagonisti di questo Servizio Sanitario ed esprimono fiducia nella Magistratura e pieno sostegno alle forze dell’Ordine nell’espletamento di questa indagine. Il forte legame che unisce il Medico di Famiglia al cittadino-utente costituisce la garanzia di un rapporto trasparente, improntato alla ricerca della migliore soluzione per raggiungere l’obiettivo della tutela della salute.

“Per questa ragione vanno condannati ed isolati quei pochi casi in cui – per ragioni che la Magistratura dovrà accertare – si abusa della professione per mettere in atto comportamenti illeciti che gettano il discredito sui Medici di Famiglia, che quotidianamente svolgono in maniera corretta la loro professione.  E’ a questi medici”, conclude il dott. Vito De Robertis Lombardi, “che oggi vogliamo dare voce per affermare l’estraneità della stragrande maggioranza della categoria a tali comportamenti. Continueremo a svolgere, come sempre, con dedizione e puntualità la nostra professione. La FIMMG, dal canto suo, saprà difendere nelle sedi opportune la dignità di tutti i Medici di Famiglia che tali episodi rischiano di offuscare”.

Bari, 02 ottobre 2008

 

Fimmg Puglia:  in rete dal 02/10/2008