«L'assessore non rispetta il nostro contratto»

Dura presa di posizione al termine del 3° congresso della Fimmg
«Agitati» i medici di famiglia (dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 30.5.2001)

Al termine del 3° congresso provinciale, la sezione barese della Fimmg (federazione medici di famiglia) ha proclamato lo stato di agitazione in polemica con l'assessore regionale alla Sanità, Salvatore Mazzaracchio.
In una nota firmata dal segretario provinciale, dott. Filippo Anelli, la Fimmg sottolinea che il congresso si svolto con un unico «grande assente», l'assessore Mazzaracchio, appunto, che così «ha reso vana l'attesa di quanti avrebbero voluto ascoltare da lui le motivazioni del grave ritardo nell'applicazione del contratto nazionale».
La Fimmg, in particolare, rimprovera all'assessore di non aver rispettato l'accordo sottoscritto a febbraio e con il quale si stabilivano le date di applicazione del contratto. Un contratto - sottolinea il sindacato - che prevede l'attivazione di nuovi importanti servizi per i cittadini. Uno di questi è l'assistenza domiciliare integrata. In Puglia - fa notare la Fimmg - il servizio non è stato opportunamente finanziato, nonostante rappresenti «la vera alternativa ai ricoveri impropri negli ospedali». E «in quelle Asl deve è stato attivato mancano gli infermieri ed i terapisti della riabilitazione». Il risultato è che «i malati terminali sono costretti di pomeriggio, il sabato e la domenica a chiamare gli infermieri di fiducia». Secondo la Fimmg, così «si rischia di far accreditare il privato come unica soluzione».
I medici di famiglia, infine, rispondono a quanti li accusano di star favorendo l'aumento della spesa farmaceutica. «È in perfetta media con gli aumenti registrati in Italia».

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: messo in rete il 25/02/08