Bene Fiore: vaccini la Regione!

Comunicato stampa

 

         

Bene Fiore: vaccini la Regione!

 

 

Le dichiarazioni dell’Assessore Fiore sembrano rassicurare i Medici di famiglia. Secondo l’Assessore sarà più una esercitazione che una pandemia, i casi gravi previsti, non saranno superiori a 14, l’impatto sul sistema di assistenza sarà lieve.

L’Assessore ha dichiarato di voler incontrare i rappresentanti dei medici di famiglia per approntare insieme le questioni poste dalle Organizzazioni Sindacali.

“Non c’è stato mai bisogno di dichiarare una disponibilità ad eseguire una vaccinazione da parte dei medici di famiglia contro il virus pandemico in quanto il sistema organizzativo messo in piedi tempestivamente dall’Assessorato alla Salute della Regione Puglia è in grado di rispondere efficacemente alle necessità assistenziali della pandemia, evitando di sottrarre risorse al bilancio regionale”, ha dichiarato il dott. Filippo Anelli, Segretario regionale della FIMMG Puglia. “Ringraziamo il prof. Fiore per la sua disponibilità a discutere le proposte dei medici di famiglia che servono a garantire l’attività assistenziale al di là della vaccinazione, sebbene ad oggi il Comitato Permanente Regionale per la Medicina Generale previsto sin da luglio 2009, non si è ancora insediato”.

Mentre la vaccinazione mira a circoscrivere il numero di soggetti affetti da malattia influenzale attraverso la riduzione del contagio, le proposte avanzate dai medici di famiglia riguardano invece la gestione a domicilio dei soggetti che si ammalano di influenza e le procedure di accesso in ospedale, anche considerando che tutti gli anziani e gli ultra 65enni non saranno vaccinati, anche se affetti da gravi malattie.

            Le proposte sono:

·                    Potenziare la guardia medica - continuità assistenziale nei giorni festivi e prefestivi;

·                    Istituire un Call-Center aziendale gestito dai medici di continuità assistenziale per offrire ai cittadini un consulto medico telefonico;

·                    Potenziare il 118 attraverso l’adozione in Giunta Regionale del Piano di riordino che, pur concordato e definito con le Organizzazioni Sindacali, giace abbandonato da diversi mesi;

·                    Migliorare l’assistenza domiciliare con altro personale infermieristico e medico in grado di garantire insieme con il medico di famiglia la continuità assistenziale ai malati affetti di influenza;

·                    Prevedere un sistema di accesso ai ricoveri ospedalieri prioritario dei malati gravi affetti da influenza rispetto ai ricoveri programmati ordinari.

·                    Bari, 17 ottobre 2009

 
 
   

Fimmg Puglia:  in rete dal 17/10/2009