Raggiunto l’accordo per la stabilizzazione dei medici precari del 118!  

 

COMUNICATO STAMPA

Raggiunto l’accordo per la stabilizzazione dei medici precari del 118!  

È stato raggiunto ieri alla presenza dell’Assessore Tedesco l’accordo tra la Regione Puglia e le OOSS sulla stabilizzazione dei medici precari del 118.

Questo accordo riguarda circa 120 medici che da molti anni, pur non essendo iscritti nella graduatoria regionale per l’accesso alla professione di medico del 118, garantiscono il servizio di emergenza territoriale in maniera precaria.

“È stata una lunga maratona”, ha dichiarato il dott. Filippo Anelli – segretario regionale Fimmg,  “che si è conclusa positivamente grazie alla disponibilità mostrata dall’Assessore Tedesco che insieme ai suoi tecnici è riuscito a superare una serie di difficoltà normative che rendevano complessa l’applicazione congiunta delle norme contrattuali e quelle stabilite dalla Legge Regionale 26/06 che ha riconosciuto il diritto a questi medici”.

Il Consiglio Regionale – anche su sollecitazione della FIMMG - il 28 Luglio 2006 aveva approvato la norma con la quale consentiva “al personale medico adibito ai servizi di emergenza sanitaria territoriale “ 118” , in possesso dell’attestato di idoneità all’esercizio dell’attività di emergenza sanitaria territoriale e in servizio alla data di entrata in vigore della presente legge, di presentare domanda per l’attribuzione degli incarichi a tempo indeterminato di cui all’articolo 63 dell’Accordo collettivo nazionale”. Domanda che poteva essere presentata successivamente alla rilevazione da parte delle AUSL dei posti carenti nel servizio.

 “Purtroppo”, a proseguito il dott. Anelli, “è stato necessario far ricorso anche all’autorità Giudiziaria per ottenere da alcune AUSL il numero corretto dei posti carenti nel servizio di emergenza territoriale”.

La pubblicazione da parte della Regione di questi posti carenti senza una chiara indicazione delle procedure per l’applicazione delle norme ha prodotto differenti meccanismi – tra AUSL e AUSL – per l’attribuzione degli incarichi. Di qui la richiesta della Fimmg e delle altre OOSS di trovare una intesa sui meccanismi per la copertura dei posti carenti.

Con l’intesa sottoscritta ieri la Regione ha preso l’impegno di annullare il bando pubblicato sulle zone carenti del 118 riferite a settembre 2005 e di ripubblicarle nuovamente entro il 31 agosto. I criteri per l’assegnazione degli incarichi prevedono l’iscrizione in graduatoria regionale e il possesso del titolo specifico 118 alla data di rilevazione delle carenze. Entro il 30 settembre la Regione Puglia poi pubblicherà i posti carenti del 118 rilevati nell’anno 2006, comprensivi di quelli non assegnati con i posti carenti rilevati a settembre 2005. A questi posti potranno concorrere - in coda rispetto a quelli aventi diritto - anche i medici che sono in possesso dei requisiti previsti dalla Legge 26/06, ossia essere in servizio alla data di pubblicazione della Legge ed il possesso del titolo specifico 118 alla stessa data. Entro il 31 ottobre 2007 la Regione si è anche impegnata a pubblicare la graduatoria provvisoria regionale generale per l’anno 2007 ed entro il 31 dicembre 2007 quella definitiva. Entro il 28 febbraio 2008, infine, saranno pubblicati i posti carenti del 118 rilevati nell’anno 2007 garantendo prioritariamente i medici iscritti in graduatoria ed in possesso del titolo specifico del 118 e successivamente i medici in servizio alla data di pubblicazione della Legge ed in possesso del titolo specifico del 118 alla data di rilevazione delle carenze.

“Siamo soddisfatti dell’intesa raggiunta in quanto consente a questi medici di trovare una collocazione definitiva nel sistema dell’emergenza dopo averlo garantito in tutti questi anni”, ha sottolineato il dott. Anelli. “Ciononostante, riteniamo indispensabile, concordando con l’Assessore Tedesco, procedere ad una riorganizzazione del sistema per garantirne la sostenibilità economica”.

Bari, 1 agosto 2007

Home

Utenti on line:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008