Addio Medico di famiglia singolo. Arriva la UMG ?

 

COMUNICATO STAMPA

 Addio Medico di famiglia singolo. Arriva la UMG ?

 Si terrà Sabato 21 Aprile a Giovinazzo presso l’Hotel Riva del Sole il 9° Congresso Provinciale della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) di Bari dal Titolo: “Gli strumenti per la rifondazione della Medicina Generale”.

I medici di famiglia iscritti al più grande sindacato della Medicina Generale vengono chiamati a dare il loro contributo alla stesura definitiva di una proposta elaborata da un gruppo tecnico nazionale del sindacato e che ora, in vista di un congresso straordinario che si svolgerà nel mese di Giugno al fine di approvare la versione definitiva, è sottoposta all’esame di tutti gli iscritti.

La proposta prevede la costituzione delle cosiddette Unità di Medicina Generale (UMG), ambiti territoriali in cui operano venti medici di famiglia più cinque medici di continuità assistenziale che assistono 25.000 cittadini, facendosi carico della continuità assistenziale garantendo un’assistenza H24 per tutti i giorni dell’anno.

“Al di là degli aspetti tecnici ancora in fase di discussione” - ha affermato il dott. Vito De Robertis Lombardi, Segretario provinciale della FIMMG di Bari - “la proposta ha il merito di ricercare processi assistenziali in grado di garantire a tutti i cittadini italiani risposte adeguate sul territorio senza il ricorso improprio alle strutture ospedaliere”.

“E’ proprio il rapporto di fiducia che lega il medico di famiglia all’assistito a garantire il successo dell’iniziativa. Il cittadino sarà messo nelle condizioni di rivolgersi ad un nucleo di professionisti ben definito in quanto operanti tutti all’interno della stessa UMG”, ha continuato il dott. Vito De Robertis Lombardi.

Un franco dibattito tra i medici di medicina generale caratterizzerà i lavori congressuali sulle tematiche relative alla continuità delle cure nell’arco delle 24 ore.

Molti medici pugliesi hanno già manifestato forti perplessità sull’ipotesi che si torni a svolgere, come medici di famiglia, attività di guardia medica notturna e festiva. Come è noto tale attività è svolta attualmente esclusivamente dai medici di continuità assistenziale (guardia medica). Un’esigenza, quella di affidare ai medici di famiglia la guardia medica notturna e festiva, che è stata sollevata da alcune Regioni del Nord Italia dove i medici di continuità assistenziale sono diventati sempre meno numerosi.

“Siamo convinti che il congresso di Bari sarà una tappa fondamentale nel dibattito italiano su questo argomento. Siamo certi che fra le proposte che emergeranno nell’assise congressuale da parte dei medici di famiglia e le esigenze organizzative si riuscirà a trovare il giusto equilibrio, salvaguardando le specificità delle singole regioni”.

Infatti, nella nostra regione tale esigenza non è assolutamente avvertita. Anzi persiste ancora un livello considerevole di disoccupazione medica. Una condizione, questa, all’attenzione dell’Assessore regionale alle Politiche della Salute, dott. Alberto Tedesco, che parteciperà ai lavori congressuali insieme al Segretario nazionale della FIMMG, dott. Giacomo Milillo. Al congresso interverrà anche il Commissario Straordinario della AUSL Bari, avv. Lea Cosentino ed il Direttore Sanitario della stessa AUSL, dott. Giuseppe Lonardelli.

La presenza del Segretario regionale della FIMMG Puglia, dott. Filippo Anelli sarà l’occasione per informare i partecipanti sullo stato delle trattative per la stipula del contratto regionale della medicina generale ormai giunte in dirittura di arrivo. In particolare le OO. SS. e la Regione Puglia hanno già messo a punto l’innovativo progetto dell’associazionismo medico complesso che aumenterà il numero delle ore di apertura degli ambulatori ed affiderà ai medici aderenti obiettivi di salute.

Bari, 20 aprile 2007

Home

Utenti on line:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008