Ancora una aggressione ai medici di guardia!

Comunicato Stampa

La Fimmg : chiuderemo le sedi di guardia e garantiremo solo le visite domiciliari!

Ancora una aggressione nei confronti medici. Questa volta è toccato a tre medici in servizio presso la guardia medica di Barletta. È successo giovedì sera. Secondo quanto denunciato dai medici, un paziente diabetico aveva chiesto, impropriamente, la prescrizione di ausili diabetologici. Alla richiesta da parte del medico di esibire la documentazione relativa alla propria condizione patologica, il paziente ha scaraventato il cristallo che ricopriva la scrivania sui medici, ferendo una delle dottoresse presenti, che ha dovuto far ricorso alle prestazioni del locale pronto soccorso.

“È una situazione insostenibile,quella dei medici di guardia”, ha commentato il dott. Filippo Anelli – segretario regionale della Fimmg. “Il numero di aggressione ai medici è in costante aumento ed urge un provvedimento congiunto da parte delle autorità di polizia e della Regione Puglia al fine di garantire l’incolumità fisica degli operatori sanitari”.

In data 17 luglio u.s. l’Assessore Regionale alle politiche della salute dott. Alberto Tedesco, rispondendo ad una nota del dott. Anelli in merito ad un analogo episodio di violenza che aveva coinvolto alcuni giorni prima gli operatori del 118, comunicava “di aver chiesto un immediato incontro ai Questori delle Province Pugliesi per un esame comune delle iniziative di prevenzione da assumere”.

Analoga richiesta è stata inoltrata al Questore di Bari, anche dalla Fimmg Regionale, sollecitando un incontro.

“Dobbiamo apprezzare la grande sensibilità mostrata dall’Assessore Regionale Alberto Tedesco”, ha continuato il dott. Anelli, “nell’aver avviato il confronto su un tema così scottante. Tuttavia, se gli episodi di violenza dovessero continuare saremo costretti a sospendere l’attività ambulatoriale nelle guardie mediche, garantendo comunque le sole visite domiciliari”.

“Chiediamo ai cittadini pugliesi”, ha poi continuato il dott. Vito De Robertis Lombardi – segretario provinciale della Fimmg Bari, “di essere comprensivi nei confronti dei medici di guardia, rispettando il loro lavoro. Infatti, il loro compito principale è quello di garantire le visite urgenti, senza i caratteri dell’emergenza, di tipo domiciliare o ambulatoriale. La normale attività prescrittiva resta un compito esclusivo della medicina di famiglia. Pertanto, i cittadini devono recarsi dal proprio medico di famiglia per ottenere la prescrizione ordinaria dei farmaci”.

Solidarietà è stata espressa dalla Fimmg ai tre medici oggetto di aggressione. Il dott. Vito De Robertis ha direttamente manifestato la partecipazione e la solidarietà di tutti i medici di medicina generale della Provincia di Bari e l’impegno della Fimmg per l’adozione di provvedimenti per rendere più sicure le sedi di guardia medica.

 

Home

  Utenti in linea:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008