Analgesici in fascia A): Meglio tardi, che mai!

Comunicato stampa 

Meglio tardi, che mai!

La Fimmg : ora bisogna esentare dal ticket i malati pugliesi che utilizzano i farmaci per la cura del dolore.  

L’esigenza di poter utilizzare tutta la gamma dei farmaci per la cura del dolore è fortemente sentita dal mondo medico italiano.

Attualmente in Italia sono in Classe A, ossia dispensati con onere a carico dello Stato, i FANS, ossia gli antinfiammatori non steroidei che possiedono una buona azione analgesica, e gli oppiodi maggiori, tra cui la morfina.

Ciononostante, l’Italia si colloca al penultimo posto in Europa per il consumo di farmaci oppioidi per la cura del dolore cronico. Precediamo solo il Portogallo e siamo dietro la Grecia. La tabella mostra i dati pubblicati dal Ministero della Salute sul suo sito web e rappresenta i dati al consumo nel periodo 2000-2002 espressi in termini confezioni vendute, spesa lorda e DDD/1000 abitanti.

Restano in classe C, ossia con onere a totale carico del cittadino, alcuni analgesici importanti come il paracetamolo ed alcuni oppiodi minori come il tramadolo e l’associazione paracetamolo-codeina.

Questi ultimi, con il preannunciato intervento del Ministro della Salute, dovrebbero transitare in classe A, ossia a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Un provvedimento che la Fimmg Puglia aveva chiesto che fosse assunto in Puglia già dal maggio scorso, a termine del VI Congresso Provinciale dei medici della FIMMG di Bari, che si è svolto a Bisceglie il 15 maggio 2004.

 “Per favorire l’uso di farmaci oppioidi nella terapia del dolore cronico”, aveva chiesto allora il dott. Vito De Robertis Lombardi – segretario provinciale FIMMG Bari, “è necessario che in Puglia si elimini il ticket sui farmaci analgesici. Inoltre, farmaci come il paracetamolo, il paracetamolo-codeina ed il tramadolo, tuttora a carico del cittadino, siano inseriti nella fascia A del prontuario farmaceutico regionale, ossia diventino gratuiti per i cittadini pugliesi affetti da neoplasie”.

“Oggi con il provvedimento ministeriale si colma sicuramente una grande lacuna”, ha affermato il dott. Filippo Anelli – segretario regionale della Fimmg. “Oggi ci attendiamo che il Governo Regionale faccia la sua parte: esenti dal pagamento del ticket i malati pugliesi che utilizzano questi farmaci per la cura del dolore”.                                  

Bari, 09 novembre 2004

Home

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008