Devolution, no grazie!

Comunicato stampa

Devolution, no grazie!

 

Sono sempre più numerosi gli interventi sulla proposta di Devolution avanzata dal Governo Berlusconi e dal Ministro Calderoli che appaiono questi giorni sui media.

Non siamo affatto soddisfatti dalle dichiarazioni rassicuranti dei tanti esponenti della Casa delle Libertà che vorrebbero presentare la Devolution come un nuovo modello di risparmio per lo Stato e di efficiente organizzazione della pubblica amministrazione”, ha affermato il dott. Filippo Anelli, Segretario Regionale della FIMMG Puglia.

In realtà, l’unico risparmio lo si potrà ottenere riversando sul cittadino buona parte dei costi dei servizi, così come sinora è stato fatto nell’attuazione del federalismo.

“Non è accettabile l’applicazione del principio della sussidiarietà a spese della solidarietà”, ha continuato il dott. Filippo Anelli. “In questo contesto la sanità è un esempio illuminante. Infatti, ove la tutela della salute diventasse materia di competenza esclusiva delle regioni, l’ente locale dovrebbe organizzare in base alle proprie risorse il proprio sistema sanitario che, di conseguenza, risulterà diverso da regione a regione”.

Abbiamo bisogno, invece, di recuperare il concetto costituzionale di regionalismo che contiene in il “DNA” della solidarietà tra regioni.

“Non è più sufficiente dichiarare l’urgenza della modifica del federalismo fiscale senza la contestuale presa di posizione contro la Devolution ”, ha affermato il dott. Filippo Anelli. “Confermiamo, perciò i 16 giorni di sciopero già preannunciati. Senza una radicale svolta in termini di finanziamento di questo servizio sanitario nazionale, ispirata ai principi di uguaglianza, solidarietà ed equità, la FIMMG avvierà senza ripensamenti tutte le azioni di protesta programmate.”

Bari, 1 settembre 2004 

Home

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008