Sospeso lo sciopero del 27 e 28 nove mbre

Home

Comunicato Stampa

 

Sospeso lo sciopero del 27 e 28 nove mbre

La FIMMG Puglia convoca l’assemblea regionale degli iscritti sabato 29 novembre 2003.

 

Lo sciopero dei medici di famiglia, previsto nei giorni 27 e 28 novembre, è sospeso, ma non revocato. Lo afferma il dott. Mario Falconi, segretario nazionale della FIMMG, al termine dell’incontro avvenuto ieri presso il Ministero della Sanità con la delegazione di parte pubblica (SISAC).

“Abbiamo assunto questa decisione” - ha affermato il dott. Filippo Anelli, segretario regionale della FIMMG Puglia – “per favorire la contrattazione che ieri finalmente è stata avviata. Valuteremo le proposte che la parte pubblica avanzerà il 12 dicembre p.v. anche in considerazione dei giudizi negativi che i sindacati hanno espresso circa l’atto di indirizzo varato dal Governo”.

Rimane forte, in ogni caso la preoccupazione sulla tenuta del Servizio Sanitario Nazionale per il marcato sotto finanziamento del sistema.

Una preoccupazione che ha indotto la FIMMG Puglia a convocare sabato 29 novembre p.v., presso la Sala Sinodale del Seminario arcivescovile di Bari, un’assemblea generale degli iscritti sul tema “La salute non è una merce! Medici di famiglia, diritto alla salute e dimensione etica”. All’incontro interverranno Don Rocco D’Ambrosio - docente di etica politica alla pontificia università gregoriana di Roma e all’Istituto Teologico Pugliese - ed il dott. Cosimo Nume, Medico di Famiglia e Presidente dell’Ordine dei Medici di Taranto.

Il sottofinanziamento del sistema rischia di compromettere i livelli essenziali di assistenza nella nostra regione.

“Siamo tra le ultime regioni in tema  di oppioidi nella cura del dolore, sia nei soggetti neoplastici che nei malati cronici”, ha continuato il dott. Anelli. “Anche nell’assistenza  ai malati cronici e terminali la Puglia è in grave ritardo nell’assistenza domiciliare e semi residenziale. Assistiamo, quasi impotenti, alle lunghe liste di attesa e alle interminabili code agli sportelli per la prenotazione degli esami, senza che i soggetti più deboli o svantaggiati siano agevolati”.

Per ribadire la fedeltà ai principi che da sempre animano la professione medica, i medici di famiglia, in occasione dell’assemblea generale del 29 novembre p.v., collettivamente riproporranno il Giuramento di Ippocrate.

“Vogliamo essere medici per alleviare le sofferenze, per curare le malattie, per promuovere la salute”, ha concluso il dott. Anelli, “per questo bisogna tornare a mettere al primo posto l’etica invece dell’economia”.

Bari, 21 novembre 2003 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: in rete dal 25/02/2008