Si ad una nuova e forte alleanza per la salute

Home

Comunicato Stampa

Si ad una nuova e forte alleanza per la salute

 La FIMMG Puglia aderisce all’appello lanciato dalle segreterie nazionali Fp-CGIL, CISL-Fps e UIL-Fpl, per sottoscrivere un patto di solidarietà capace di difendere e migliorare il servizio pubblico, solidale e generale.

“Siamo pronti a stringere con i lavoratori dei tre maggiori sindacati italiani ”- ha dichiarato il dott. Filippo Anelli, segretario regionale della FIMMG -“una forte alleanza per la salute che si adoperi per la causa dei più deboli”.

I lavoratori della Sanità aderiranno allo sciopero del 27 giugno per difendere “il sistema sanitario dalla devolution di Bossi e Tremonti”, hanno dichiarato le tre organizzazioni sindacali.

“Una presa di posizione importante quella dei lavoratori dei sindacati confederali, che rinnova il patto di solidarietà presente ancora in questo Paese e che consente a tutti i cittadini, al delle differenze economiche, di razza, politiche o sociale, di usufruire alla stessa maniera delle prestazioni sanitarie”, ha continuato il dott. Anelli. L’appello è stato sottoscritto da : Acli, Arci, Auser Anaao Assomed, Associazione Libera, Cnca Consulta Nazionale per la salute mentale (Psichiatria Democratica, Cittadinanza attiva, Unasam, Caritas Italiana in qualità di invitato permanente), Emergency, Federconsumatori, Federazione Italiana Superamento Handicap, Fondazione Franco Basaglia, Forum 32, Gruppo Abele, Istituto Fernando Santi, Lega Ambiente, Masci, Movimento per i diritti dei cittadini, Tribunale per i diritti del malato

I medici di famiglia della FIMMG confermano la loro ferma contrarietà all’introduzione delle polizze assicurative sanitarie .

“Crediamo si debbano urgentemente risolvere i problemi legati alle lunghissime liste di attesa che sono alla base del fallimento di questa politica sanitaria basata unicamente sul contenimento della spesa sanitaria”, ha affermato il dott. Anelli. “Il mancato rinnovo del contratto di lavoro dei medici di famiglia  e dei pediatri di libera scelta, significa ancor più penalizzare il territorio e aumentare lo squilibrio tra la medicina ospedaliera e quella territoriale. Oggi, i cittadini hanno diritto ad essere assistiti adeguatamente a domicilio, hanno diritto di terminare la loro vita dignitosamente nella loro abitazione, hanno diritto di vivere la propria disabilità in un ambiente pieno di affetto come la propria famiglia. Tutto questo viene negato in nome di un principio economico che privilegia le spese militari o le faraoniche opere pubbliche al diritto costituzionalmente tutelato come quello della salute”.

“Sciopereremo il giorno 27”- ha concluso il dott. Anelli - “sapendo di dover arrecare dei disagi a coloro che già soffrono per la malattia e per le tante disfunzioni burocratiche del sistema. A tutti costoro chiediamo scusa . Dopo 11 anni siamo costretti a scioperare per riaffermare il diritto  alla salute”.

Bari, 25 giugno 2003 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione