Finalmente  distribuiti i ricettari del Servizio Sanitario  ai medici del Policlinico.

 

COMUNICATO STAMPA 

Finalmente  distribuiti i ricettari del Servizio Sanitario  ai medici del Policlinico.

Restano, purtroppo, ancora disattese le norme sulla prescrizione.

 Sono stati distribuiti ai medici ospedalieri e agli specialisti convenzionati interni della regione Puglia i ricettari del Servizio Sanitario Nazionale. Ultima struttura ad adempiere a quest’obbligo di legge è stato il Policlinico di Bari. La decisione è stata assunta dopo che la Direzione Sanitaria dell’ASL BA/4 e la Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera Policlinico di Bari hanno concordato le modalità organizzative e, quindi, avviata la distribuzione dei ricettari.

“Abbiamo raggiunto la fase uno dell’iniziativa FIMMG legata all’applicazione delle norme di legge relative alla prescrizione”, ha affermato il dott. Filippo Anelli, segretario regionale della FIMMG Puglia, “che in Puglia sono clamorosamente disattese senza alcun giustificato motivo. Un risultato lusinghiero, ma che non produce ancora risultati tangibili in quanto le norme sulla prescrizione sono ancora abbondantemente eluse”.

Eppure, all’indomani della manifestazione del 5 aprile u.s., che ha visto sfilare in corteo 1500 camici bianchi, la Regione Puglia si era affrettata a sottoscrivere con i medici di famiglia pugliesi un accordo con il quale accoglieva le richieste avanzate in tal senso. Tutto ciò ha prodotto la distribuzione dei ricettari ai medici, ma la prescrizione degli accertamenti diagnostici e dei farmaci in caso di urgenza e di dimissione ospedaliera, resta ancora da attuare.

“Continuiamo a ricevere al nostro Osservatorio regionale sulle prescrizioni specialistiche numerose segnalazioni sulla mancata prescrizione sul ricettario rosso del Servizio Sanitario Nazionale degli esami e dei farmaci”, ha continuato il dott. Anelli. “Una situazione insostenibile sia per i disagi che tutto ciò provoca ai cittadini che per l’uso improprio di risorse del Servizio Sanitario Regionale”.

Eppure la Legge 405 del 2001 all’art. 8 prevede “al fine di garantire la continuità assistenziale, che la struttura pubblica fornisca direttamente i farmaci, limitatamente al primo ciclo terapeutico completo, sulla base di direttive regionali, per il periodo immediatamente successivo alla dimissione dal ricovero ospedaliero o alla visita specialistica ambulatoriale”. Regolamentazione che la Giunta regionale ha stabilito con Delibera n. 203/02 e successive integrazioni. In tal senso è stato firmato con Federfarma un protocollo d’intesa con il quale dava attuazione alle norme previste dalla Legge 405, consentendo alle strutture ospedaliere di prescrivere sul ricettario rosso del SSN i farmaci alla dimissione.

Il segretario regionale della FIMMG ha così inviato una nota ai Direttori generali delle AA.SS.LL e delle Aziende ospedaliere con la quale chiede di conoscere le indicazioni che sono state emanate per il rispetto delle norme sulla prescrizione.

“Desideriamo che il sistema funzioni nella maniera migliore al fine di offrire un servizio efficiente  ai cittadini pugliesi”- ha concluso il dott. Anelli. “Ci rendiamo conto, tuttavia, che esistono delle resistenze sul piano culturale che devono essere rimosse per migliorare la prescrizione da parte di tutti gli operatori sanitari. In tal senso la FIMMG è disponibile ad avviare iniziative di formazione per facilitare il compito della prescrizione, talora reso complesso dalle numerosissime norme che disciplinano la materia”.

I risultati dell’indagine svolta attraverso l’Osservatorio regionale sulla prescrizione della FIMMG e le problematiche connesse al mancato utilizzo dei ricettari da parte dei medici ospedalieri sono stati illustrati dal dott. Filippo Anelli e dal dott. Giovanni Sportelli al Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Policlinico di Bari, Dott. Pompeo Traversi. Il Direttore generale ha dichiarato l’interesse dell’azienda ospedaliera a regolamentare la prescrizione ed ha confermato che i ricettari del Servizio Sanitario Regionale sono stati distribuiti ai medici del Policlinico. Ha proposto, perciò, di convocare entro 10 giorni la ASL BA/4 e la FIMMG per ricercare comuni intese sull’applicazione degli articoli di Legge che disciplinano la materia. 

 

Bari, 11 giugno 2003 

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione