La rivolta dei medici e dei cittadini ottiene il ritiro del decreto Sirchia

Clicca qui per ritornare all'Home Page

COMUNICATO STAMPA

 

La rivolta dei medici e dei cittadini italiani contro il ministro Sirchia ha già prodotto un importante e tangibile risultato: il ritiro del Decreto Sirchia.

 

E’ stato ritirato dal Governo il Decreto anti-truffa del Ministro Sirchia.

“E’ un grande risultato a favore dei medici e del Servizio Sanitario Nazionale (SSN)”, ha affermato il dott. Filippo Anelli, segretario regionale FIMMG, “che premia la tenacia delle Organizzazioni sindacali e delle Associazioni dei cittadini contro un provvedimento che rischiava di compromettere il rapporto di fiducia tra medici e cittadini e metteva in crisi l’intero servizio”.

La rivolta dei medici e dei cittadini italiani contro il Ministro Sirchia ha già prodotto un importante e tangibile risultato. Il ritiro del decreto, tuttavia, non fa venir meno le motivazioni della protesta. 

“Martedì 15 manifesteremo a Roma in ogni caso”, ha continuato il dott. Filippo Anelli. “Vogliamo comunicare al Governo italiano il nostro malessere e la nostra preoccupazione per un SSN sempre più in crisi e che necessita, invece, di essere rilanciato anche attraverso un forte impegno economico”.

I medici italiani si aspettano le scuse del Ministro Sirchia dopo il ritiro del Decreto anti-truffa. Il Decreto, infatti, è stato recepito dall’intera classe medica negativamente ed ha rappresentato un giudizio negativo sull’operato dei medici italiani.   

I medici pugliesi rivendicano, con orgoglio, il merito di aver per primi organizzato una manifestazione in Italia contro il Decreto.

“Abbiamo voluto manifestare contro il Decreto Sirchia, ma soprattutto testimoniare l’orgoglio di essere medici in una regione che predilige gli obiettivi di bilancio rispetto a quelli legati alla tutela della salute dei cittadini”, ha continuato il dott. Anelli. “Testimoniare pubblicamente il forte attaccamento dei medici al SSN è un dovere, ma anche una scelta strategica dei medici di questo Paese”.

Bari, 10 aprile 2003

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione