Il 118 al San Paolo: medici in condizioni indecorose

Clicca qui per ritornare all'Home Page

COMUNICATO STAMPA

Ancora una volta la FIMMG è costretta ad intervenire sul Servizio 118 e sulla precarietà con cui attualmente viene svolta questa attività.

I medici del 118 presso l’Ospedale S.Paolo non hanno sede idonea per svolgere la loro attività poichè "non sono stati attrezzati idonei ambienti per lo stazionamento, il riposo e le fisiologiche necessità degli operatori. Tale situazione obbliga i medici a indossare le divise da lavoro in situazioni "di fortuna", a stazionare nei corridoi, ad utilizzare i servizi igienici dei pazienti e a riposare all’interno dei mezzi adibiti al soccorso".

"Una situazione gravissima che ci lascia esterrefatti e increduli" ha affermato il dott. Filippo Anelli, Segretario Regionale della FIMMG. "Questa è l’ennesima prova della approssimazione con cui il Servizio è gestito dalla Regione. La precarietà è diventata regola a tal punto che non si ha più rispetto né per gli operatori né per gli utenti. Si possono facilmente immaginare le conseguenze di tale modo di fare sulla qualità del Servizio".

Per denunciare questa incredibile situazione, la FIMMG ha scritto al Direttore Generale e al Direttore Sanitario della AUSL BA/4 nonché all’Assessore alla Sanità, invitandoli a porre rimedio immediatamente.

Questo sindacato ritiene di dover comunque e sempre salvaguardare la dignità e la professionalità di questi medici i quali sono stati immessi in servizio senza nemmeno avere seguito il corso di formazione che le legge espressamente prevede.

Si allega la lettera sopra menzionata.

Bari, 8 gennaio 2003.

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione