SOLIDARIETA’: IL NATALE DELLA FIMMG

Clicca qui per ritornare all'Home Page

Comunicato Stampa

SOLIDARIETA’: IL NATALE DELLA FIMMG

I MEDICI DI FAMIGLIA ITALIANI IMPEGNATI AD OSPITARE ANZIANI SOLI E AD ADOTTARE I BAMBINI POVERI DEL PERÙ DELLA REGIONE APURIMAC.

 

Anche per questo Natale la FIMMG invita tutti, medici e cittadini, a gesti concreti di solidarietà.

"Non la semplice elemosina", ha affermato il dott. Filippo Anelli – segretario regionale della FIMMG, "ma atti concreti che testimonino nella vita di ogni giorno la solidarietà".

Natale è un momento particolare per rendere ancor più esplicito questo convincimento. Di qui l’invito di Mario Falconi – segretario nazionale FIMMG - a non lasciare soli gli anziani. "Ospitiamo nelle nostre famiglie a Natale un anziano solo", è l’iniziativa lanciata dalla FIMMG in occasione delle festività di quest’anno.

Un modo per essere ancor più vicini ai cittadini, ed in particolar modo verso coloro che vivono situazioni di disagio e di abbandono.

"Un gesto che serve ad onorare l'affetto e la stima degli italiani nei confronti dei medici di famiglia, ed allo stesso tempo fare in modo che alcune migliaia di anziani soli possano trascorrere un Natale migliore'', ha affermato Mario Falconi

"Un grande sindacato, come la FIMMG, si caratterizza non solo per le conquiste contrattuali a favore dei cittadini e dei suoi iscritti, ma anche dalla sensibilità che mostra verso le persone più povere del pianeta" ha continuato il dott. Anelli.

Tra questi vi sono sicuramente i bambini indios del Perù della regione Apurimac.

Apurimac è una regione tra le più povere del mondo:

    • il 78% dei bambini soffre di denutrizione cronica;
    • il 99% non può soddisfare le sue necessità primarie (Unicef);
    • elevati indici di mortalità infantile: 119 bambini su mille muoiono prima di compiere il primo anno di vita;

Apurimac è una regione con un territorio molto disagiato:

    • la Regione Apurimac fa parte delle tre "provincie alte" del Perù, è una delle zone economicamente più depresse e abbandonate;
    • l'altitudine sul livello del mare varia da un minimo di 2500 metri fino ai 5000;
    • non esistono il telefono e le strade asfaltate;
    • l'elettricità è presente solo in alcuni centri e per poche ore al giorno.

Impegnarsi "per il bene di tutti e di ciascuno, perché tutti siano veramente responsabili di tutti" è un obiettivo a cui la FIMMG si è sempre ispirata.

Per tradurre in gesti concreti la solidarietà, la FIMMG ha deciso di sostenere un programma di adozioni a distanza a favore di questi bambini poveri.

Il progetto di adozioni a distanza è denominato "Scegli la Vita".

Si tratta di "un’adozione ideale" di un bambino sconosciuto.

"Non è, dunque, una adozione legale" – ha precisato il dott. Anelli. "E’ un modo per offrire aiuto ai bambini senza che i contributi siano utilizzati dalle famiglie, per fini diversi".

Il progetto si caratterizza per una serie di interventi che vengono realizzati direttamente in loco:

    • Mense per studenti - "Comedores".

I bambini per andare a scuola devono percorrere due o tre ore a piedi.

Molti non hanno di che mangiare.

Le mense per studenti sono state realizzate a Cotabambas, a Tambobamba, a Quillurqui e a Chuquibambilla.

Si distribuiscono fino a mille pasti al giorno.

    • Collegi e case del bambino, per i più poveri e per quelli abbandonati.

Vengono assistite circa 300 ragazze in internato.

    • Asili comunali:

vengono erogati generosi aiuti per offrire latte caldo ai bambini;

  • Microprogetti come:

fornitura di materiale scolastico ai bambini (libri, quaderni, penne ecc) ed alle scuole (banchi, lavagne, scrivanie, biblioteche, mense e servizi igienici). All’inizio di ogni anno scolastico i bambini più poveri vengono forniti di sandali e vestiti.

    • dispensari per l'erogazione di presidi sanitari:

la maggior parte dei villaggi è sprovvista di qualsiasi assistenza sanitaria. Elevata la mortalità infantile.

  • realizzazione di acquedotti, laboratori artigianali, coltivazioni in serre, elettrodotti.
    • Banca dei poveri per prestiti a favore di persone povere e bisognose.

Questo progetto "Scegli la Vita" è gestito dall’associazione "Apurimac" che ha sede in Roma, via della Scrofa 80, ed affidato per la sua realizzazione ai missionari agostiniani della Provincia Italiana.

L’intesa tra la Fimmg e l’Associazione APURIMAC prevede l'adozione da parte d'ogni Sezione Provinciale o Regionale di un bambino e l’invito a fare altrettanto a tutti i medici ed ai cittadini.

Per ogni adozione bisognerà versare sul c/c. postale 87219002 intestato all'Associazione APURIMAC la somma di L. 50.000 al mese.

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione