COMITATO AZIENDALE ASL BA/4  DEL 13/01/2005 

 

COMITATO AZIENDALE ASL BA/4  DEL 13/01/2005 

La FIMMG propone di estendere il progetto MED CUP a tutti i medici aderenti alle diverse forme associative, con un compenso di €. 3,00 per ogni prestazione eseguita presso la ASL e con la possibilità di richiedere l’indennità di collaboratore di studio oltre la percentuale del 35% per tutti coloro che aderiscono alla fase sperimentale. Cessata la fase sperimentale l’indennità per il collaboratore di studio resterà attribuita al medico in deroga alle percentuali stabilite a livello contrattuale. Il Direttore Generale pur manifestando la piena volontà di aderire alla richiesta formulata dalla FIMMG, si riserva di dare una risposta in tempi brevi, sentito l’Assessorato regionale alla Sanità.

La FIMMG chiede che la distribuzione dei nuovi ricettari avvenga contestualmente anche nei confronti dei medici ospedalieri. Il Direttore Generale da piena assicurazione che tutto ciò avverrà contestualmente.

Le OO.SS. esprimono solidarietà alla dott.ssa Lampugnani per l’aggressione subita durante il turno di guardia del 4/1/2005. La Direzione Generale si associa e si fa carico di valutare lo stato della sicurezza delle sedi di Guardia medica.

Punti all’ODG:

  1. L’indennità di collaboratore di studio e di infermiere di cui alle lettere B4 e B5 art. 45 DPR 270/00 deve prevedere di norma l’ipotesi che i contratti siano stipulati individualmente dai singoli medici componenti le diverse forme associative. Ovvero i medici aderenti alle diverse forme associative in questione potranno provvedere alla istituzione della forma associativa di cui alla lettera b) comma 3 art. 40 DPR 270/00. In tal caso, il personale fornito dalla forma associativa di cui alla lettera b) comma 3 art. 40 DPR 270/00 potrà dar titolo alla corresponsione della relativa indennità solo se tale personale effettui almeno 10 ore settimanali per ciascun medico aderente forme associative di cui alla lettera a) comma 3 art. 40 DPR 270/00. La indennità di cui alle lettere B4 e B5 saranno corrisposte anche in deroga alla percentuale contrattuale del 35%, salvo ulteriori diverse disposizioni che dovessero sopraggiungere.
  2. In merito alle prestazioni da operarsi in regime di ADR, le stesse saranno riconosciute, in via transitoria e in attesa di una diversa regolamentazione a livello regionale, soltanto per quelle autorizzate o da autorizzarsi limitatamente alle Case di riposo

Le OO.SS. richiedono l’istituzione di un Tavolo tecnico per la regolamentazione dell’istituto della reperibilità.

Bari, 13/01/2005

Filippo Anelli

 

 

Home

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008