Controllo della spesa sanitaria. E’ questo l’oggetto di un protocollo d'intesa tra la Regione Basilicata ed il Comando regionale della Guardia di Finanza sottoscritto questa mattina. Il documento, che è stato siglato dal presidente della Regione, Filippo Bubbico e dal comandante regionale della Guardia di Finanza, Giovanni Livenni, prevede una mirata attività di monitoraggio finalizzata alla ricerca, prevenzione e repressione di eventuali violazioni. Questo protocollo fa seguito ad un’altra intesa con la Guardia di Finanza per il monitoraggio della spesa comunitaria. In particolare la Regione Basilicata comunicherà periodicamente al Comando regionale i dati relativi all'andamento della spesa sanitaria con riferimento a: servizi riabilitativi delle funzioni psico?neuro?motorie; medicinali a carico del Servizio Sanitario Nazionale inseriti nel prontuario farmaceutico nazionale; esenzioni dalla spesa sanitaria; consumo dei medicinali; fornitura di beni e servizi; attività di consulenza; opere edilizie; attrezzature specialistiche in dotazione; documentazione di interesse investigativo. Per attivare tali controlli la Regione Basilicata fornirà al Comando Regionale: l’elenco delle strutture operanti nel settore della riabilitazione fisica convenzionata, dei soggetti beneficiari delle prestazioni nonché della specifica degli importi a carico del Servizio sanitario nazionale; informazioni concernenti la prescrizione di medicinali a carico del Servizio Sanitario Nazionale che possono essere utilizzati anche in campo zootecnico; elenchi dei dipendenti che svolgono anche attività libero professionali; schede di contatto utente schede reclami indirizzati agli uffici relazioni con il pubblico della Regione, delle Aziende sanitarie locali e delle Aziende ospedaliere; elenchi dei soggetti che hanno prodotto istanze per l'esenzione, per reddito, dalla partecipazione alla spesa sanitaria; tabulati riportanti, oltre ai dati di ogni singolo medico, i farmaci prescritti e loro quantità nonché la casa farmaceutica produttrice; dati concernenti la fornitura di attrezzature e di beni di consumo sanitari, elenco delle consulenze esterne di carattere medico; elenco attrezzature per diagnostica specialistica in dotazione alle strutture ospedaliere e relativo numero di prestazioni assicurate. Tale protocollo, secondo il presidente Bubbico “contribuisce ad attivare iniziative utili per garantire la cultura della legalità. I processi di crescita e di sviluppo possono essere agevolati se si coniuga la partecipazione attiva di tutti i soggetti al rispetto delle regole. Nonostante nel contesto nazionale la Basilicata non evidenzia dati allarmanti nella spesa sanitaria, abbiamo inteso attivare questa convenzione per garantire che le risorse impegnate diano più servizi ai cittadini”. Secondo l’assessore alla Sicurezza e Solidarietà Sociale, Gennaro Straziuso, presente alla cerimonia “il contributo fornito da tale azione sarà tanto più efficace quanto maggiore risulterà la sinergia tra le varie Autorità impegnate, a diverso titolo, nel settore. Vogliamo garantire un sistema per il rispetto delle regole, negli interessi dei cittadini – utenti dei servizi erogati dalla sanità regionale”.