Spesa Sanitaria 2004: i primi dati

Clicca qui per ritornare all'Home Page

periodico telematico regioni.it  www.regioni.it

Anticipazioni sulla spesa sanitaria 2004 regione per regione. La Calabria ha realizzato al 31 dicembre 2004 un avanzo di bilancio di oltre 31 milioni di euro, seguono in positivo solo Puglia e Lombardia, e quasi in pari il Veneto, in negativo tutte le altre.
Si tratta di cifre messe a punto dal Sistema informativo sanitario (Direzione generale della Programmazione sanitaria) e relative ai saldi del IV trimestre 2004, ma non ancora ufficializzate. Il tutto mentre il ministro Sirchia (nella foto) - che ufficializzerà questi dati in una prossima Audizione in Parlamento - fa un richiamo sulla ricerca e "sulla corsa insensata ad acquistare sempre nuovi macchinari": "Quello che vi chiediamo - sottolinea Sirchia - esige un debito informativo preciso per capire se queste nuove macchine portano davvero vantaggi oppure solo profitti per chi le fabbrica".
Il disavanzo complessivo della spesa sanitaria e' stato, al dicembre 2004, di oltre 4 miliardi e 300 milioni di euro. Con un impatto che varia, naturalmente, da Regione a Regione. In questo caso, sono stati utilizzati i dati demografici provvisori, relativi al luglio 2004, vale a dire gli stessi utilizzati dalle Regioni per determinare la ripartizione del Fondo sanitario nazionale e regolare le compensazioni di spesa.
I disavanzi maggiori sono stati cumulati dalle Province autonome di Bolzano e Trento, con un debito pro-capite di 493 euro, seguite dalle Valle d'Aosta (437), Campania (163), Friuli Venezia Giulia (138), Sardegna (128), Piemonte (117) e Lazio (104).
Tre regioni hanno invece il segno + nel saldo di bilancio. Si tratta della Calabria (16 euro), Puglia (7) e Lombardia (0,32). Prossimo al pareggio anche il Veneto, con un disavanzo di 0,10 centesimi pro-capite.                  
                     DISAVANZO AL 12/2004                    DISAVANZO PRO-CAPITE
                   (IN MIGLIAIA DI EURO)                                 (IN EURO)     
                                                               
PIEMONTE                                 -505.368                        -117,69
                                                               
VALLE D'AOSTA                         -53.588                        -437,12
                                                               
LOMBARDIA                              +2.997                          +0,32
                                                               
PROV. AUTON. BOLZANO           -295.923                        -493,10
                                                               
PROV. AUTON. TRENTO             -182.329                        -493,10
                                                               
VENETO                                   -480                              -0,10
                                                               
FRIULI VENEZIA GIULIA           -166.513                        -138,61
                                                               
LIGURIA                                -161.740                        -101,83
                                                               
EMILIA ROMAGNA                  -308.682                         -74,91
                                                               
TOSCANA                               -304.404                         -84,90
                                                               
UMBRIA                                 -30.094                         -35,21
                                                               
MARCHE                                -36.206                         -23,93
                                                               
LAZIO                                   -547.893                        -104,43
                                                               
ABRUZZO                              -126.693                         -97,86
                                                               
MOLISE                                 -24.135                         -75,04
                                                               
CAMPANIA                            -944.513                        -163,36
                                                               
PUGLIA                                 +29.712                          +7,34
                                                               
BASILICATA                          -27.091                         -45,41
                                                               
CALABRIA                             +32.174                         +16,01
                                                               
SICILIA                                 -453.396                         -90,54
                                                               
SARDEGNA                           -211.717                        -128,74
                                                               
TOTALE DISAVANZO                      MEDIA NAZIONALE PRO-CAPITE
                                                               
SPESA SANITARIA        -4.315.881                         -74,13

"C'e' soddisfazione - ha affermato Fabio Gava, assessore allà sanità del Veneto - perché tanti ci criticavano sostenendo che non avevamo i conti sotto controllo. Abbiamo dimostrato invece di aver chiuso l'anno con i conti sotto controllo, senza diminuire i servizi ma mantenendo lo stesso livello di qualita''.

''E' il risultato - prosegue Gava - dello sforzo che abbiamo fatto per il risanamento, che ci ha consentito poi di abbassare la pressione fiscale con la finanziaria per il 2005. Sono risultati che però devono essere sempre monitorati, perche' la spesa sanitaria e' una 'brutta bestia'''. Tra l'altro, ricorda l'assessore veneto, nel 2005 c'e' il rischio che si scarichino sulla spesa molti costi degli arretrati dei contratti precedenti. ''Inoltre - aggiunge Gava - bisogna ricordare che si tratta solo di un dato di equilibrio contabile, che dovrebbe essere poi raccordato alla qualita' dei servizi erogati. Da questo punto di vista - conclude - credo che ci sia un po' di differenza tra la quantita' e qualita' dei servizi sanitari garantiti da regioni come Lombardia e Veneto e, appunto, Puglia e Calabria''.
(red)

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione