L'AIFA aggiorna il Prontuario

Clicca qui per ritornare all'Home Page

periodico telematico regioni.it  www.regioni.it

Il Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco nella seduta odierna ha deliberato in via definitiva l’aggiornamento del Prontuario Farmaceutico Nazionale escludendo dalla manovra i farmaci con prezzo uguale o inferiore a 5 euro e ha dato mandato al Direttore Generale di predisporre il relativo provvedimento con il compito specifico di assicurare il monitoraggio sugli effetti finanziari derivanti dal ripiano della spesa farmaceutica attuato dall’aggiornamento del PFN. Il CdA dell’Aifa ha inoltre approvato all’unanimità nove nuove Autorizzazioni all’Immissione in Commercio (AIC) di specialità medicinali che saranno rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale. L’approvazione dei nuovi farmaci è avvenuta sulla base delle valutazioni di efficacia  e tollerabilità espresse dalla Commissione Tecnico Scientifica dell’Aifa. Tra le specialità medicinali oggetto delle nuove Autorizzazioni all’Immissione in Commercio sono presenti due nuovi principi attivi, il Paracalcitolo e il Fosamprenavir, rispettivamente indicati per la prevenzione e il trattamento dell’iperparatiroidismo in pazienti con insufficienza renale cronica e per il trattamento dell’AIDS e tre farmaci generici che grazie al costo inferiore del 20% rispetto alle specialità coperte da brevetto consentono di compensare l’incremento di spesa derivante dall’introduzione alla rimborsabilità di farmaci innovativi.
Nel presentare un primo bilancio della sua attività l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, ha presentato le “Liste di trasparenza dei farmaci di classe C”, una iniziativa in collaborazione con Federfarma, Movimento Consumatori, Farmadati Italia e Assofarm.  Tali liste consentono ai cittadini di confrontare il prezzo per unità posologica (compressa, bustina, ecc.) di farmaci con uguale principio attivo e dosaggio. “Le liste con i prezzi dei farmaci di fascia C  costituiscono un importante  strumento per una scelta oculata, in grado di conciliare le esigenze economiche e terapeutiche del paziente, afferma  Giorgio Siri, presidente di Federfarma.  Le liste permetteranno trasparenza e risparmio nell’ambito dei farmaci acquistati dal cittadino analogamente a quanto accade con  le liste di trasparenza dei farmaci in prontuario che fanno risparmiare il servizio sanitario nazionale.”
“Poiche’ i prezzi dei farmaci C sono liberi - afferma Rossella Miracapillo, segretario generale del Movimento Consumatori – e’ importante che i produttori nel fissarli siano responsabili e che medici e cittadini siano attenti nella scelta del medicinale che costa di meno, il medico quando prescrive, il cittadino quando acquista un farmaco che non necessita di ricetta medica.”
Nell’illustrare la iniziativa il ministro Sirchia ha sottolineato l’importanza della collaborazione che i farmacisti possono dare fornendo consigli al cittadino, anche di carattere economico.
(red)

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione