Medicina dei Servizi: via libera agli adeguamenti al nuovo ACN

 

Il Segretario Regionale di Settore

                                                                                                                         AI COLLEGHI ISCRITTI

                                        

                                                     Caro collega,

è con vivo piacere che Ti comunico di aver raggiunto dopo lunghe trattative con la Regione Puglia l’obiettivo della messa a regime sul piano economico del nuovo Accordo Collettivo Nazionale di categoria  del 23/3/2005 - Capo IV.

Ti ricordo che non si tratta più di un Decreto del Presidente della Repubblica pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ma di un Accordo approvato dalla Conferenza Stato - Regioni e le maggiori Organizzazioni sindacali di categoria, recepito e reso esecutivo da ciascuna Regione nel proprio ambito di competenza.

Con il recente Accordo regionale sottoscritto presso l’Assessorato alla Sanità della Regione Puglia tra la Parte Pubblica e le Organizzazioni sindacali di categoria si da il via libera al nuovo articolato contrattuale.

Con la presente provvedo a trasmetterTi copia del documento che riepiloga le determinazioni assunte dal Comitato Permanente Regionale, di cui lo scrivente fa parte, in ordine all’applicazione e all’interpretazione del nuovo Accordo Collettivo Nazionale di Categoria ( Capo IV ).

Ho sottolineato la parola interpretazione, perché inizialmente si voleva sconvolgere la struttura del compenso economico per i Medici dei Servizi. Dopo accesi e insistenti interventi al tavolo tecnico regionale la FIMMG è riuscita a non far modificare detta struttura lasciando e riconfermando la vecchia struttura economica con le varie voci stipendiali presenti tuttora in busta paga.

In merito agli arretrati si è deciso di liquidare per motivi fiscali una metà nel 2005 e l’altra metà nel 2006.

Infatti, con la mensilità di settembre 2005 tutti i Medici dei Servizi troveranno in busta paga l’aumento contrattuale previsto ( per un Medico dei Servizi a 38 ore sett. circa € 370 lorde mensili  ); con la mensilità di dicembre 2005 verranno liquidati gli arretrati contrattuali relativi al periodo gennaio-agosto 2005 ( per un Medico dei Servizi a 38 ore circa € 3000 lorde ). A partire dal 1° gennaio 2006 il Medico dei Servizi a 38 ore settimanali otterrà a regime in busta paga un aumento di € 449,54 lorde.    Con la mensilità di marzo 2006 verranno liquidate le competenze arretrate degli anni 2001/02/03/04 ( per un Medico dei Servizi a 38 ore circa € 6700 lorde ).

In conclusione, grazie alla presenza ed all’impegno dell’intera Segreteria Regionale della FIMMG, i Medici della Medicina dei Servizi vedranno riconosciute le legittime aspettative sul piano economico, premiando in tal modo i dirigenti sindacali e i Medici iscritti che hanno sempre creduto nella forza contrattuale della FIMMG Generale e del Settore della Dirigenza Medica Territoriale.

Il prossimo traguardo sarà la conclusione dell’iter concorsuale per l’inquadramento nei ruoli della dipendenza  dei Medici della Medicina dei Servizi della Regione Puglia in possesso dei requisiti previsti.

Ad maiora !!!

Lì, 19/9/2005

                                                      Michele STRAZZELLA

 

 

Home

  Utenti in linea:

Fimmg Puglia:  in rete dal 25/02/2008