No a tetti di spesa  fissati unilateralmente e tardivamente 

Clicca qui per ritornare all'Home Page

Fonte: Tuttosanità

"Il legislatore ha voluto istituire un procedimento di negoziazione per addivenire alla individuazione dei tetti di spesa in materia sanitaria  e ciò non solo per operare sul piano negoziale anzichè su quello autoritativo, ma anche per consentire agli operatori di conoscere preventivamente i propri limiti di spesa e, conseguentemente, determinare la propria attività in funzione degli stessi". "Il momento imprescindibile della trattativa è, invece, mancato nel caso di specie, tanto che l'odierno ricorrente (l'Istituto di Diagnosi e terapia di Taranto, n.d.r.), si è visto fissare unilateralmente, e anno finanziario ampiamente inoltrato, il tetto di spesa per l'anno 1999".

Si tratta dei passaggi fondamentali  del parere espresso dal Consiglio di Stato su richiesta del Presidente della Repubblica, attraverso il Ministero della Sanità, sulla base di un ricorso straordinario presentato al Capo dello Stato nel 2001 da parte della struttura privata accreditata tarantina. 

Il parere espresso dal Consiglio di Stato  aggiunge, tra l'altro,  che "la fissazione di un tetto massimo di spesa, dopo che questo sia eventualmente già raggiunto e superato, contrasta in maniera palese  con i principi fondamentali di correttezza e di affidamento nei rapporti con la Pubblica amministrazione posti dall'art. 97 della costituzione e ribaditi dalla legge 7 agosto 1990 n. 241, in  quanto impone il raggiungimento di un obiettivo a posteriori, anzichè in via preventiva".

Sulla base di questo parere il Presidente della Repubblica, con proprio decreto dell'8 maggio scorso,  ha accolto il ricorso in questione.

Stesso identico discorso per un altro ricorso presentato  dal Centro di Medicina sociale della riabilitazione di Taranto nei confronti dei provvedimenti della Regione Puglia (deliberazioni della Giunta Regionale nn. 1003 del 17 luglio 1999 e 1832 del  17 dicembre 1999, rispettivamente DIEF - Documento di indirizzo economico-funzionale  del SSR -  per il 1999 e relativa rimodulazione dei finanziamenti  previsti per le Aziende ) nonchè dei provvedimenti del Direttore Generale  della AUSL TA/1, che hanno disciplinato la remunerazione delle prestazioni specialistiche per l'anno in questione.  (3 giugno 2002)

 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: messo in rete il 25/02/08