Nasce il Ministero della Salute

DECRETO-LEGGE 12 giugno 2001, n. 217
Modificazioni  al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, nonche' alla  legge  23 agosto 1988, n. 400, in materia di organizzazione del Governo.


IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Ritenuta  la  straordinaria  necessita'  ed  urgenza  di  apportare modificazioni  al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante riforma dell'organizzazione del Governo, nonche' alla legge 23 agosto 1988,  n.  400,  concernente  l'attivita'  di Governo e l'ordinamento della  Presidenza del Consiglio dei Ministri, ai fini di una maggiore funzionalita' dell'articolazione dei Ministeri;

Vista  la  deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione dell'11 giugno 2001;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri;

E m a n a 

il seguente decreto-legge:

Art. 1.
1.  Il  comma  1  dell'articolo 2 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e' sostituito dal seguente:
"1. I Ministeri sono i seguenti:
1) Ministero degli affari esteri;
2) Ministero dell'interno;
3) Ministero della giustizia;
4) Ministero della difesa;
5) Ministero dell'economia e delle finanze;
6) Ministero delle attivita' produttive;
7) Ministero delle comunicazioni;
8) Ministero delle politiche agricole e forestali;
9) Ministero dell'ambiente e della tutela delterritorio;
10) Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
11) Ministero del lavoro e delle politiche sociali;
12) Ministero della sanita';
13) Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca;
14) Ministero per i beni e le attivita' culturali.".

(omissis)

Art.11

1.  Nel  decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, dopo il Capo X e' istituito il seguente: "Capo X-bis Ministero della sanita'.".
2.  Dopo  l'articolo  47 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, sono inseriti i seguenti:
"Art.  47-bis  (Istituzione  del Ministero e attribuzioni). - 1. E' istituito il Ministero della sanita'.
2.  Nell'ambito  e  con  finalita'  di  salvaguardia  e di gestione integrata  dei servizi socio-sanitari e della tutela dei diritti alla dignita'  della  persona  umana  e  alla  salute,  sono attribuite al Ministero le funzioni spettanti allo Stato in materia di tutela della salute  umana,  di  coordinamento del sistema sanitario nazionale, di sanita'  veterinaria, di tutela della salute nei luoghi di lavoro, di igiene e sicurezza degli alimenti.
3.  Al Ministero sono trasferite, con inerenti risorse, le funzioni del  Ministero  della  sanita'.  Il  Ministero  esercita la vigilanza sull'Agenzia  per  i  servizi  sanitari e regionali di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 115.
Art.  47-ter  (Aree funzionali). - 1. Il Ministero, in particolare, svolge   le   funzioni  di  spettanza  statale  nelle  seguenti  aree funzionali:
a)  ordinamento  sanitario: indirizzi generali e coordinamento in materia   di  prevenzione,  diagnosi,  cura  e  riabilitazione  delle malattie  umane,  ivi  comprese  le  malattie  infettive e diffusive;
prevenzione, diagnosi e cura delle affezioni animali, ivi comprese le malattie infettive e diffusive e le zoonosi; programmazione sanitaria di  rilievo  nazionale, indirizzo, coordinamento e monitoraggio delle attivita'  regionali; rapporti con le organizzazioni internazionali e l'Unione europea; ricerca scientifica in materia sanitaria;
b) tutela  della salute umana e sanita' veterinaria: tutela della salute umana anche sotto il profilo ambientale, controllo e vigilanza sui  farmaci,  sostanze e prodotti destinati all'impiego in medicina e sull'applicazione delle biotecnologie; adozione di norme, linee guida e  prescrizioni tecniche di natura igienico-sanitaria, relative anche a   prodotti   alimentari;   organizzazione   dei  servizi  sanitari;
professioni  sanitarie;  concorsi e stato giuridico del personale del servizio  sanitario  nazionale;  polizia  veterinaria;  tutela  della salute nei luoghi di lavoro.


Art.  47-quater  (Ordinamento).  -  1.  Il Ministero si articola in dipartimenti,  disciplinati  ai sensi degli articoli 4 e 5. Il numero di  dipartimenti  non  puo'  essere superiore a quattro, in relazione alle aree funzionali di cui all'articolo 47.
2.  Le  funzioni  gia' svolte dagli uffici periferici del Ministero della sanita' sono attribuite agli uffici territoriali del Governo di cui  all'articolo 11. Per lo svolgimento delle funzioni inerenti alla tutela  sanitaria  e  veterinaria,  gli  uffici  territoriali possono avvalersi delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere, sulla  base di apposite convenzioni. Lo schema tipo delle convenzioni e'  definito  dal Ministero in sede di Conferenza unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.".

Art. 12.
1.  Nell'articolo  10, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, ultimo  periodo,  le  parole:  "all'intera  area  di competenza" sono sostituite dalle seguenti: "ad aree o progetti di competenza".

Art. 13.
1.  Gli  incarichi  di  diretta  collaborazione  del Presidente del Consiglio,  del  Ministro,  del  Vice Ministro o del Sottosegretario, possono  essere  attribuiti  anche a dipendenti pubblici di qualsiasi ordine,  grado  e qualifica, appartenenti a qualsiasi Amministrazione di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29. In  tal  caso  essi  sono  collocati, su richiesta del Presidente del Consiglio,  del  Ministro,  del  Vice Ministro o del Sottosegretario, fuori   ruolo  o  in  aspettativa  retribuita,  per  l'intera  durata dell'incarico,   anche  in  deroga  alle  norme  ed  ai  criteri  che
disciplinano   i  rispettivi  ordinamenti,  ivi  inclusi  quelli  del personale  di  cui  all'articolo  2, comma 4, del decreto legislativo 3 febbraio  1993,  n.  29;  se  appartenenti  ai  ruoli  degli organi costituzionali,   si   provvede   secondo  le  norme  dei  rispettivi ordinamenti.

Art. 14.
1.  Il  presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale della Repubblica italiana e sara' presentato alle Camere per la conversione in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi' 12 giugno 2001
CIAMPI
Berlusconi,  Presidente 

 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: messo in rete il 25/02/08