Spesa netta gennaio-novembre 2003: - 6,1 %

Comunicato Federfarma 

 I dati di spesa farmaceutica a carico del SSN relativi a gennaio-novembre 2003 evidenziano una riduzione complessiva della spesa netta pari al –6,1% rispetto allo stesso periodo del 2002. Tale diminuzione è correlata a un calo del –3,5% del  numero delle ricette, sempre  rispetto allo stesso periodo del 2002.

Per quanto riguarda il mese di novembre 2003 la spesa è diminuita del –2,1% rispetto allo stesso mese del 2002, con un leggero aumento del numero delle ricette (+0,3%) rispetto a novembre 2002.

Tali dati confermano il trend decrescente della spesa in atto dall’inizio del 2003 (con l’unica eccezione costituita dal mese di settembre pari a +4,3% rispetto a novembre 2002).

In particolare, a livello nazionale:

  • la spesa farmaceutica netta a carico del SSN nel periodo gennaio-novembre 2003 si è attestata intorno a 10 miliardi 119 milioni euro (-6,1% rispetto a gennaio-novembre 2002). È diminuito anche (-3,5%) il numero delle ricette che, sempre in gennaio-novembre 2003, è stato pari a oltre 401 milioni (in media 6,92 per ogni cittadino italiano).
  • Il mese di novembre e’ in linea con il trend decrescente complessivo in atto da gennaio 2003: la spesa netta è infatti calata del –2,1% rispetto a novembre 2002.  Si registra un leggero aumento del numero di prescrizioni (+0,3%) : in novembre 2003 sono state consegnate in farmacia circa 35 milioni di ricette, in media 0,62 ricette per ogni cittadino italiano. 

A livello regionale:

  • Le Regioni che fanno registrare un calo della spesa netta superiore alla media nazionale sono Lombardia, Abruzzo, Marche, Basilicata, Molise, Toscana, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. Di queste Lombardia, Molise, Veneto, Piemonte, applicano il ticket, salvaguardando le fasce di popolazione piu’ deboli. Le altre Regioni fanno ricorso alla distribuzione diretta come misura prevalente di contenimento della spesa. Va ricordato a tale proposito che la distribuzione diretta trasferisce una quota di spesa farmaceutica su altre voci del bilancio (beni e servizi) e non consente una precisa quantificazione del risparmio effettivo a causa della difficoltà di verificare i costi complessivamente sostenuti dalle ASL (numero di confezioni acquistate, costi di acquisto, personale, strutture, scaduti).

Ritardi nei rimborsi alle farmacie

In alcune Regioni del centro sud le farmacie continuano a subire pesanti ritardi  nei pagamenti da parte delle Asl: I ritardi piu’ pesanti si registrano in Sicilia, Calabria, Campania, Abruzzo (fino a 8 mensilità del 2003, alcune del 2002  e addirittura mensilità del 2001).

Consistenti ritardi anche nelle Regioni Lazio, Puglia e Molise. 

I dati completi sono pubblicati sul sito www.federfarma.it alla voce ‘spesa e consumi farmaceutici’.

Per una panoramica sui ticket regionali è invece possibile consultare la sezione ‘ticket regionali’. 

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: in rete dal 25/02/2008