I successi della Fimmg nel bilancio di un anno travagliato per la sanità

Editoriale del Segretario Provinciale di Bari.

Cari colleghi,

si conclude con il conseguimento di due traguardi importanti un anno che ha visto la FIMMG, più che mai,  impegnata in prima linea per lo sviluppo e la difesa della professione.

La sottoscrizione, il 10 dicembre, dell’Accordo Integrativo Regionale rappresenta il coronamento della costante attività prodotta della delegazione regionale condotta dal nostro Filippo Anelli.

 Abbiamo dovuto superare numerosi ostacoli interposti non solo da una parte pubblica nella quale per molto tempo è mancata la volontà di concludere l’accordo ma, incredibilmente, anche da altre componenti della medicina generale che non hanno dato nessun contributo e hanno fatto, sul tavolo della trattativa, dell’ostruzionismo la loro principale occupazione. Mi riferisco allo SNAMI che fino all’ultimo ha cercato in tutti i modi di ostacolare la positiva conclusione dell’Accordo integrativo rifiutandosi di sottoscrivere l’intesa economica salvo poi, all’ultimo momento, adeguarsi e firmare.

E’ questo un accordo che ci siamo conquistati sul campo.

La manifestazione del 5 Aprile contro la burocrazia e contro il decreto cosiddetto antitruffa con il suo strepitoso successo ha dimostrato la determinazione con la quale la FIMMG  persegue i propri obiettivi determinando, di fatto, un mutamento del clima nella parte pubblica del comitato regionale che dopo quella data ha dato nuovo impulso ai lavori.

L’altro importante traguardo raggiunto è stato il successo nelle elezioni dei membri degli uffici di coordinamento distrettuale tenutasi il 13 dicembre.

Dopo l’incresciosa pagina di Farmatruffa che ha colpito la nostra provincia quest’estate e l’inaccettabile accordo fra Regione Puglia e Guardia di Finanza, siamo riusciti convincere la Regione dell’improrogabile necessità di dare finalmente attuazione agli uffici di coordinamento distrettuale.

Come continuiamo a ripetere da anni, è in quella sede, nel modo in cui è previsto dalla nostra convenzione, che, fra l’altro, si deve monitorare l’appropriatezza prescrittiva dei medici di famiglia anche in relazione ai rapporti tra medicina generale e medicina specialistica ambulatoriale e ospedaliera.

I risultati di queste votazioni hanno sancito il trionfo del nostro sindacato con l’elezione di tutti i candidati FIMMG.

Abbiamo dimostrato ancora una volta che l’unità, la compattezza, la costante presenza accanto agli iscritti con i molti mezzi di comunicazione che abbiamo a disposizione (sito web, SMS, bollettino, incontri periodici, attività di formazione) hanno dato i loro frutti. 

E’ evidente, però, che tale successo è stato conseguito grazie alla vostra convinta e assidua partecipazione senza la quale nulla potrebbe realizzarsi.

Quest’anno, però, oltre a raggiungere importanti traguardi abbiamo anche assunto gravose responsabilità ed impegni che influenzeranno le nostre attività nel  2004.

- Assicurare il reale e corretto funzionamento degli uffici di coordinamento distrettuale sarà la nostra prima grande responsabilità. Stiamo preparando un percorso formativo studiato per consentire agli eletti di svolgere nelle migliori condizioni il loro compito; ma, accanto alla formazione, ci vorrà tutto l’impegno e la determinazione di cui siamo capaci.

 - L’approvazione del regolamento sulle prescrizioni emanato dalla regione Puglia (DGR 1661/03 sul BUR n. 137 del 25/11/2003) ci vedrà impegnati ad assumere sulle nostre spalle integralmente l’onere della prescrizione dei farmaci a carico del SSN con le conseguenti  responsabilità. Dovremo, però, far in modo che tale regolamento venga rispettato da tutti gli attori del SSN per non  continuare ad essere considerati responsabili di prescrizioni  che non sono nostre.

Le trattative per il rinnovo della convenzione Nazionale stanno, finalmente,  assumendo un ritmo regolare.  Il 12 Dicembre nel corso di un incontro fra e SISAC Sindacati è stata consegnata a questi ultimi uno schema preliminare per la trattativa; in tale bozza si ribadisce la validità del Servizio Sanitario Nazionale e si sottolinea l'importanza strategica per esso di una riqualificazione dell'assistenza territoriale. In un ulteriore incontro, il 17 Dicembre, la FIMMG ha presentato le prime osservazioni e proposte di perfezionamento riservandosi  di farne pervenire altre. Alla luce di questi avvenimenti possiamo affermare con un certo ottimismo ma tenendo sempre alta l’attenzione,  che …… ci sarà una nuova convenzione nazionale.

Questa circostanza  non era così scontata fino a qualche  mese fa, quando si respirava aria di devoluzione spinta che sembrava non dovesse lasciare nessuno spazio ad istituti convenzionali decisi a livello nazionale.

- Il primo Gennaio p.v. entrerà in vigore la nuova normativa sulla Privacy. Una serie di norme che, per quanto riguarda la sanità, chiediamo venga al più presto corretta. Sono numerosi i punti da rivedere. Come saprete, fra l’atro, la norma prevede il divieto di chiamare in sala d’aspetto il cittadino con il proprio nome, ma di rivolgersi a lui con un numero; la necessità di criptare, sulle ricette del SSN, i dati anagrafici dei pazienti trasformandoli in codici a barre, attraverso una macchinetta che dovrebbe essere fornita ad ogni medico; il divieto di indicare sulle ricette private ( non a carico del SSN) le generalità dell’assistito. Contro questa legge impegneremo tutte le nostre forze fino alla disobbedienza civile ed all’auto-denuncia. Non possiamo consentire ad una serie di norme concepite da chi, probabilmente, è lontano mille miglia dalla nostra realtà quotidiana  di stravolgere la nostra consueta attività ed il rapporto con i cittadini che ci hanno scelti quali medici di fiducia.

Cari colleghi, anche il 2004, quindi,  sarà un anno pieno di impegni per tutti e per questo rivolgo a voi e alle vostre famiglie l’augurio   di trascorrere le festività in tranquillità, in pace ed in serenità.

Che il prossimo anno porti ad ognuno quello che desidera per se e per  propri cari.  Tanti Auguri a tutti.  

Vito De Robertis Lombardi

Home

Fimmg Bari: Sezione Telematica e Comunicazione: in rete dal 25/02/2008